Grunge: lo stile, il significato e i gruppi più rappresentativi

Posted by

Quando si parla di grunge, vi sono molteplici identificazioni. Quella più credibile riconduce la definizione di Grunge a una trasposizione del dolore umano, della sofferenza, della nostalgia e del pessimismo cosmico nel mondo concreto, un’esternazione e un’esaltazione di esso. Il dolore viene designato e ribaltato fuori dal proprio corpo, attraverso delle note poetiche e dei testi non aggressivi, semplicemente controversi e malinconici.

Ognuno dei gruppi notoriamente più influenti della scena grunge hanno in comune una certa similitudine ma anche un leggero contrasto tra loro. Infatti, ognuno di essi ha sempre voluto usare delle tecniche strumentali e testuali diverse, dalle più semplici alle più complesse e innovative. Hanno usato vari generi per arrivare a creare ciò che è stato pubblicato, hanno fatto un mix tra punk, rock psichedelico e post-hardcore per far sì che questo genere venisse risaltato e non dimenticato. Ed è proprio per questo motivo che il Grunge non è morto.

Il loro fine era però uguale per tutti, quasi come se fosse una legge universale: la massima espressione della sofferenza che domina il proprio corpo e la propria anima e la trascendenza di essa nella realtà concreta.

Di seguito i dieci gruppi imprescindibili per chi voglia approfondire il genere che ha segnato gli anni ’90 e quel che ci è girato intorno, anche successivamente agli anni del suo apice, selezionati per importanza e affinità alle caratteristiche che dicevamo.


Soundgarden & Audioslave

“On a cob web afternoon,
in a room full of emptiness
by a freeway, I confess,
I was lost in the pages of a book
full of death.”

Recita così Like A Stone, uno dei manifesti del grunge degli anni 2000 prodotto dagli Audioslave, uno dei tanti progetti del tanto amato Chris Cornell. Lui è stato un artista molto versatile e, in ogni progetto ha investito molto, ha ricavato varie tecniche e ha personalizzato il suo stile curando tutto nei minimi dettagli.

Tra i numerosi progetti ricordiamo anche i Soundgarden, il cui album più rappresentativo è Superunknown. Emergono dei testi formidabili e profondi come Spoonman, che grazie al suo ritmo riesce a coinvolgerti, o la magistrale Black Hole Sun, una poesia malinconica tipicamente di genere che, con il suo suono così pulito, lascia scorgere un velo di malinconia (senza contare i diversi cambi ritmici in perfetto sincronismo tra loro).

L’altra realtà nata dall’esperienza dei Soundgarden, che comprenderà anche membri futuri dei Pearl Jam, sono i Temple Of The Dog. Il loro album omonimo è uno dei più amati tra qquelli che ruotano intorno al grunge e merita un approfondimento a parte.


Alice In Chains & Mad Season

Situazione simile a quella di Chris Cornell, anche il leader degli Alice in Chains, Layne Staley, abbracciava diversi progetti come quello con i Mad Season, uno dei gruppi del genere più influenti. Impossibile da dimenticare è l’unico album prodotto dal gruppo durante i primi anni ’90, Above. Questo album si mostra con un suono molto pacato e delicato che sfiora una tranquillità molto apparente, dominata dal pessimismo cosmico. La voce è soave e delinea tutti i tratti contemplativi della realtà.


Nirvana

Fortunatamente il grunge ha dato, nel corso degli anni, spazio a molti artisti che sono riusciti a condividere il proprio dolore e la lancinante sofferenza, talvolta incoscia, con il mondo intero attraverso la musica. In quest’area troviamo infatti i Nirvana, che con il loro secondo album Nevermind sono riusciti a conquistare tutto il mondo e a persistere nel tempo. Ancora oggi, infatti, ci ritroviamo spesso ad ascoltare capolavori come Smells like teen spirit, dal suono semplice, capace di attirare il soggetto che l’ascolta, in un vortice ricco di emozioni, di farlo saltellare cantando a squarciagola in qualunque posto si trovi, lasciando ogni tipo di freno inibitore, ed esprimendo al meglio la propria libertà ed il proprio essere fugace. Dallo stesso album ci sono anche Come As You Are, Lithium, Something In The Way e Polly.


Pearl Jam

Trascinati dal carisma di un icona come Eddie Vedder, i Pearl Jam sono nati e cresciuti nella Seattle durante gli anni d’oro del grunge. Caratterizzati da una filosofia che li ha sempre voluti tenere lontani da certe meccaniche commerciali, ciò non gli ha (ovviamente) evitato di diventare uno dei gruppi emblematici del grunge e di tutto il rock anni ’90.


Foo Fighters

Un gruppo che si è formato in seguito al disastro avvenuto nella vita del frontman Cobain, e di tutti i Nirvana, è stato creato dal loro batterista Dave Grohl, i Foo Fighters. Oltre al suo potenziale da batterista, Dave è riuscito a mettere in evidenza anche la sua versatilità di artista come voce del gruppo e, quindi, frontman affermato. Con nove album in studio alle spalle, la carriera dei Foo Fighters non può che definirsi intensa. The Pretender (sopra) è la traccia più comunemente associabile al loro sound.


Mudhoney

Tra i primi arrivati sulla scena e nonostante ciò attivi ancora oggi, già prima dell’arrivo degli anni ’90 i Mudhoney hanno preparato la strada per le band iconiche che stavano per arrivare. Quel sound sporco e aggressivo era già grunge in piena regola, ed era ancora il 1988.


Hole

Non tutti i gruppi sono formati da soli uomini. Ce n’è anche uno composto da sole donne: le Hole. Membro fondatore è la, ex oramai, compagna del frontman dei Nirvana, Courtney Love, che spicca come voce e chitarra, una vera e propria leader.

Il loro suono è così frizzante, da una carica assurda, la voce è così decisa e forte ed i testi sono molto diretti, insomma le Hole non girano intorno ad un argomento, vanno dritte al punto, un esempio è Celebrity Skin (sopra).

Come tutte le cose belle, anche questo bel progetto si è sciolto nel 2012, ufficialmente.


Il proto-grunge

Prima che il grunge esplodesse come una delle onde sonore più violente degli ultimi anni (per molti addirittura l’ultima), diversi nomi hanno rappresentatzo un’influenza diretta sotto forma di progenitori del sound. Lo chiamano proto-grunge, poggia le proprie radici negli anni immediatamente precedenti alla fine degli anni ’80 e racchiude alcuni gruppi importanti. Di seguito alcuni esempi.

I Pixies sono la band ideale se ci si vuole prendere del tempo per riflettere su determinati problemi che la vita ci pone. Where is my mind ne è un chiaro esempio:

“With your feet in the air and your head on the ground
try this trick and spin it, yeah
your head will collapse and there’s nothing in it
and you’ll ask yourself, Where is my mind?”

Le distorsioni della chitarra e i riff dominano sia il brano ma in generale tutta la composizione ritmica dei Pixies, è una caratteristica identificativa per loro; la batteria è molto semplice, dai beat molto elementari ma suonati in modo dignitoso, deciso e concreto.

I Sonic Youth hanno rappresentato una realtà profondamente innovativa, che ha apportato delle novità in campo strumentale, evitando strumenti solisti e strumenti ritmici e introducendo accordature alternative, dove il basso, la chitarra e la batteria si intrecciano in modo unico e raro. La carriera dei Sonic Youth è ricca di approfondimenti, esperienze, live, album in studio, EP, semplicemente colma di musica, composta con un pizzico di passione e tecnica che fondendosi hanno dato vita a tanti piccoli capolavori frammentati qua e la.

Il capolavoro di maggiore rilievo è Daydream Nation, pubblicata per Black First/Enigma Records nel 1988.

Fondati nel 1983, i Green River furono tra gli iniziatori diretti del sound grunge, con una formazione che comprendeva diversi dei membri che qualche anno più tardi avrebbero formato le file dei Pearl Jam, i Mudhoney, i Mother Love Bone e i Temple of The Dog. Together We’ll Never è del 1986, ma è già grunge puro e crudo.

Gruppo che si discosta leggermente dal grunge, avendo influenze stoner/sludge metal, è formato dai (The) Melvins. Un gruppo che non ha un impatto immediato con l’ascoltatore, va ascoltato, analizzato e valutato con precisione. A History of Bad Men è il brano che convince di più.

Rating: 2.8/5. From 4 votes.
Please wait...

Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.