M. Night Shyamalan: “Il finale degli Oscar 2017 l’ho scritto io”

mnightshyamalan

E dopo tutte le polemiche, gli imbarazzi, le vergogne, le scuse, i “non se lo meritava” e i “volevamo fare le cose per bene”, arriva la dichiarazione che chiude tutto con una mossa di sarcasmo tagliente. A farla è M. Night Shyamalan su Twitter, poche ore dopo la fine della notte caratterizzata dal più clamoroso errore della storia degli Oscar, quello che aveva annunciato la vittoria di La La Land come miglior film, [read more…]

Dick Laurent è morto: Strade Perdute, vent’anni dopo

losthighway_arquetteeyes

Il 27 Febbraio 1997 usciva in premiere in un gruppo ristretto di sale americane Strade Perdute, il capolavoro di David Lynch. Il film arrivava cinque anni dopo l’ultimo lungometraggio Fire Walk With Me, che rappresentava un modo di proseguire l’onda di successo avuta nel piccolo schermo con Twin Peaks, ma che si rivelò un flop ai botteghini. Un film che probabilmente maturava nella mente di David lynch anche come sfida con sé stesso:  [read more…]

Se La La Land fosse diretto da David Lynch

la-la-land

È un video simpatico venuto fuori su Youtube un paio di giorni fa e subito diventato virale in rete: la ricostruzione di come sarebbe stato il trailer di La La Land se il regista fosse stato David Lynch. Con tanto di esaltazione degli spazi chiusi e oscuri, dell’esasperazione dei personaggi e di quel modo inquietante in cui le musiche si piegano su atmosfere perturbate. Dentro ci riconoscete quel tipico stile lynchiano visto in Mulholland Drive, Strade Perdute e Velluto Blu. [read more…]

L’algoritmo che ha ordinato le canzoni dei Radiohead per ‘indice di tristezza’

thomyorke

Charlie Thompson è un analista di dati statistici, si diverte a programmare algoritmi complessi per estrarre informazioni dai grandi quantitativi di dati numerici e misurabili. E la sua band preferita sono i Radiohead. Unendo le due cose, ha recentemente messo a punto un complesso algoritmo di analisi dei testi di tutte le loro canzoni, definendo quello che lui chiama il “Gloom Index“, un indice di tristezza misurabile, col quale è possibile assegnare un valore da 1 a 100 ad ogni canzone. [read more…]