Perché odiamo tanto chi abbiamo amato?

Posted by

Questa storia fa parte del libro:
Ricomincia da te
Trenta consigli per vivere al meglio la tua vita

Acquistalo su Amazon

È un’esperienza che molti di noi hanno vissuto, sia in fase attiva che in fase passiva. Finire per odiare la persona che si è amata per tanto tempo e non sapere perché si provi un sentimento così forte nonostante ci si era promessi di starsi vicini. O al contrario, ricevere quell’odio in maniera inaspettata dopo che una relazione si è conclusa in maniera apparentemente tranquilla. Sono sensazioni stranianti, che possono far sentire in colpa chi le prova o trattato ingiustamente chi le riceve.

Esistono diverse basi scientifiche e psicologiche che spiegano perché questo accada. Persino neurologicamente, è stato dimostrato che le zone del cervello che si attivano in caso di odio (il putamen e l’insula) sono le stesse che attivano l’amore. Questo spiegherebbe l’antico pensiero letterario secondo cui amore e odio siano due volti della stessa emozione umana.

Psicologicamente, l’odio subentra quando l’amore non è più corrisposto o quando le aspettative nei confronti della persona amata sono state deluse. È la presa di coscienza che quella relazione è da considerarsi conclusa, quantomeno a livello razionale. Solo che noi esseri umani non siamo fatti di sola ragione: abbiamo una componente emotiva forte, che in questi casi è tanto più sviluppata quanto più abbiamo investito in termini di tempo ed emozioni in quella relazione. E la cosa vale anche nei casi in cui l’amore non è mai stato corrisposto: anche se si è sviluppato soprattutto in uno solo dei due, l’amore resta una relazione in cui si dà, si creano aspettative e si riceve. E se le aspettative vengono deluse, se l’altra persona si rivela diversa da quella che credevamo, è normale provare odio.

L’odio diventa dunque un efficace meccanismo difensivo per sopravvivere a una nuova fase della nostra vita. Ci siamo resi conto che quella persona non sarà colui/colei che starà accanto a noi nel modo in cui pensavamo, quindi ora tocca a noi ridurre l’importanza che quella persona ha nella nostra vita. E se dentro di noi c’è ancora una componente emotiva forte, non basterà la sola ragione per riequilibrarci: servirà una seconda componente emotiva che ci aiuti a ridimensionare l’immagine che abbiamo di quella persona. L’odio serve a questo, ed è tanto più forte quanto più urgenza sentiamo di ridurre l’amore che provavamo per quella persona. Visto sempre secondo le basi neurologiche che dicevamo prima: il nostro assetto emotivo sceglie di vivere un’emozione simile all’amore per intensità e aspetti coinvolti, ma che ci permette una lucidità di gran lunga maggiore per gestire la vita nel prossimo futuro.

Questo non significa che dobbiamo odiare liberamente e sposare felicemente le conseguenze dell’odio, sia chiaro. Significa solo che se proviamo odio, dobbiamo essere indulgenti con noi stessi. È qualcosa di naturale. Col tempo, quando ci sentiremo di nuovo stabili, padroni di noi stessi e delle nostre emozioni, avremo la forza di riconoscere la libertà dell’altra persona, rispettarne l’identità e le scelte, magari anche comprendere perché non è stata per noi quel che ci aspettavamo. Potremo perdonarla, e quello è il primo passo per avere nuovamente un rapporto equilibrato con quella persona. In casi limite, potrebbe persino accadere di ripercorrere il percorso inverso e veder rinascere l’amore, persino a mesi o anni di distanza. Le emozioni sono spesso inspiegabili, ma altrettanto spesso comprensibili. E l’unica cosa che possiamo fare è conoscerle ed accettarle.

Questa storia fa parte del libro:
Ricomincia da te
Trenta consigli per vivere al meglio la tua vita

Acquistalo su Amazon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.