Ossessioni per la celebrità: lo strano caso dell’Oscar rubato a Frances McDormand

Posted by

Si chiama Terry Bryant, ha 47 anni e alla fine della cerimonia degli Oscar 2018 ha rubato l’Oscar vinto da Frances McDormand per Tre manifesti a Ebbing, Missouri, iniziando a girare per il Dolby Theatre a Hollywood con la statuetta in mano, ringraziando Dio per la vittoria, spiegando che l’ha ricevuto “il suo team, per le musiche” e chiedendo in giro “dove fosse il post-party”. Ma soprattutto, dopo il furto ha tempestato i suoi canali social di immagini e video suoi, vantandosi per il premio ricevuto.

 

Al che potrete pensare: è un totale imbecille. No. O meglio, sì, certo, ma non solo. Se cercate su Google informazioni su Terry Bryant, non troverete nulla sulle sue competenze musicali, e capirete presto che non era coinvolto in nessun modo tra le nomination degli Oscar. Quel che troverete, invece, è una lunga serie di tentativi di far parlare di sé, ad ogni livello: i suoi canali social sono pieni di foto sue sui luoghi caldi di Hollywood, insieme a altre star o da solo; lui si è definito produttore, giornalista, musicista, presentatore TV e ambasciatore delle Nazioni Unite; e giusto per provarle tutte, c’è anche una sua canzone pubblicata qualche tempo fa, a nome Dj Matari.

Si tratta quindi di un caso più articolato di una semplice testa calda. Dietro c’è un tentativo spasmodico di apparire come persona che frequenta i luoghi dei VIP, diventare famoso, in ogni modo. Se è il caso, anche attraverso un evento di cronaca come questa, che magari non gli farà fare una gran figura, ma sicuramente gli ha finalmente dato la visibilità che cercava da anni.

L’Oscar è stato recuperato poco tempo dopo, e l’uomo è stato arrestato per furto. Adesso è in prigione, in attesa del verdetto del giudice, e rischia tre anni in carcere. La sua cauzione e fissata al momento per 20.000 dollari. Per fare un paragone: la statua d’oro dell’Oscar vale circa mille dollari. Sono i costi necessari a finire sui giornali, bisogna solo scegliere quale si preferisce.

Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.