Roberto Vecchioni, Sogna Ragazzo Sogna: testo e significato del brano

Posted by

Saper raccontare è il fondamento base per chi scrive testi e parole. Saper raccontare ed emozionare è la magia dei grandi cantautori, quei professori, come Roberto Vecchioni, in grado di insegnare a tutte le età, attraverso l’arte della canzone d’autore: opening track dell’omonimo e fortunato album del 1999, Sogna Ragazzo Sogna è uno di quei brani destinati, già dal primo ascolto, a sedimentare nella memoria.

Attraverso una scrittura quasi epistolare, Vecchioni si rivolge direttamente al protagonista in quello che risulta essere un dialogo interiore, diretto non solo all’ascoltatore ma, più probabilmente, al proprio io più giovane, utilizzando delle parole chiave per legare musica e immagini: la fantasia (Ma non è vero, ragazzo / Che la ragione sta sempre col più forte), la forza della poesia (Io conosco poeti / Che spostano i fiumi con il pensiero), la resistenza dei propri princìpi (Chiudi gli occhi, ragazzo / E credi solo a quel che vedi dentro), tutte riunite in un’unica filosofia portante: continuare a credere, sempre, al proprio sognare (Sogna, ragazzo sogna / Non cambiare un verso della tua canzone).

La celebrazione della vita, il non arrendersi di fronte alle difficoltà, agli amori persi e ai desideri infranti, sono da sempre ideali cari al Professore, il quale, con questa canzone, esalta ulteriormente questi concetti, forte di un sentimento paterno che scorre lungo le parole (Lasciali dire che al mondo / Quelli come te perderanno sempre / Perché hai già vinto, lo giuro / E non ti possono fare più niente), come ad incoraggiare un figlio nell’attimo della perdizione, prima della caduta, prima che egli dimentichi l’importanza dell’amore e del suo diritto di esistere (Copri l’amore, ragazzo / Ma non nasconderlo sotto il mantello / A volte passa qualcuno / A volte c’è qualcuno che deve vederlo) e di quella che è la chiave di salvezza per poter continuare a sognare, una risposta presente in nessun altro se non nelle proprie possibilità (Passeranno i giorni / Passerà l’amore / Passeran le notti / Finirà il dolore / Sarai sempre tu) in un epilogo esente dalle decisioni del destino, sempre possibile, mai scritto o finito (Ti ho lasciato un foglio / Sulla scrivania / Manca solo un verso / A quella poesia / Puoi finirla tu).

Questa visione della vita come poesia, in un suo inno atto a rimembrarne l’essenzialità (Nessun regno è più grande / Di questa piccola cosa che è la vita), è stata in parte ispirata dal poeta Nazim Hikmet, grazie alla poesia intitolata Alla vita (La vita è così grande / Che quando sarai sul punto di morire / Pianterai un ulivo / Convinto ancora di vederlo fiorire).

Lo stesso cantautore dice al riguardo del saper sognare:

“Concepiamo sempre il sogno come una rinuncia, una fuga dalla realtà, e non è questa la verità. Il sogno è un’altra faccia della realtà ed è la continuazione della realtà. In realtà la nostra vita è proprio questo: un continuo alternarsi e combattere di sogno e realtà.”

E ti diranno parole rosse come il sangue
Nere come la notte 
Ma non è vero, ragazzo
Che la ragione sta sempre col più forte 
Io conosco poeti 
Che spostano i fiumi con il pensiero 
E naviganti infiniti 
Che sanno parlare con il cielo
Chiudi gli occhi, ragazzo
E credi solo a quel che vedi dentro 
Stringi i pugni, ragazzo
Non lasciargliela vinta neanche un momento 
Copri l’amore, ragazzo
Ma non nasconderlo sotto il mantello 
A volte passa qualcuno 
A volte c’è qualcuno che deve vederlo

Sogna, ragazzo sogna 
Quando sale il vento 
Nelle vie del cuore 
Quando un uomo vive 
Per le sue parole 
O non vive più

Sogna, ragazzo sogna
Non lasciarlo solo contro questo mondo 
Non lasciarlo andare sogna fino in fondo 
Fallo pure tuSogna, ragazzo sogna 
Quando cade il vento ma non è finita 
Quando muore un uomo per la stessa vita 
Che sognavi tu

Sogna, ragazzo sogna 
Non cambiare un verso della tua canzone 
Non lasciare un treno fermo alla stazione 
Non fermarti tu

Lasciali dire che al mondo 
Quelli come te perderanno sempre 
Perchè hai già vinto, lo giuro
E non ti possono fare più niente 
Passa ogni tanto la mano 
Su un viso di donna, passaci le dita 
Nessun regno è più grande 
Di questa piccola cosa che è la vita

E la vita è così forte 
Che attraversa i muri per farsi vedere 
La vita è così vera 
Che sembra impossibile doverla lasciare 
La vita è così grande 
Che quando sarai sul punto di morire 
Pianterai un ulivo
Convinto ancora di vederlo fiorire

Sogna, ragazzo sogna
Quando lei si volta
Quando lei non torna
Quando il solo passo 
Che fermava il cuore 
Non lo senti più

Sogna, ragazzo, sogna 
Passeranno i giorni 
Passerrà l’amore
Passeran le notti 
Finirà il dolore
Sarai sempre tu

Sogna, ragazzo sogna 
Piccolo ragazzo 
Nella mia memoria
Tante volte tanti 
Dentro questa storia
Non vi conto più
Sogna, ragazzo, sogna
Ti ho lasciato un foglio 
Sulla scrivania
Manca solo un verso 
A quella poesia
Puoi finirla tu

Rating: 5.0/5. From 15 votes.
Please wait...

Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.