Watchmen, in arrivo la serie tv: la data di uscita e le ultime news

Posted by

Nonostante il film di Zack Snyder uscito nel 2009 abbia riscosso incassi modesti al botteghino globale, diventando però un buon successo grazie all’home video, i piani della Warner Bros per ulteriori utilizzi di Watchmen, la seminale graphic novel di Alan Moore e Dave Gibbons, non si sono mai fermati: nel 2015 lo stesso Snyder sembrava ad un passo dalla realizzazione di una serie televisiva basata sul romanzo a fumetti, ma il progetto è poi passato due anni dopo nelle mani dello sceneggiatore Damon Lindelof (Lost, The Leftlovers, Prometheus), che ora ha il compito di portare sul piccolo schermo per la HBO una prima stagione di dieci episodi in uscita nel 2019, che avrà un cast decisamente interessante, una colonna sonora curata nientemeno che da Trent Reznor e Atticus Ross e nessun legame con la pellicola cinematografica di Snyder.

Cosa possiamo aspettarci da questo nuovo adattamento? Al momento è molto difficile fare previsioni: la passione sconfinata di Lindelof per il materiale di partenza è dichiarata da tempi non sospetti, ma l’aspetto più intrigante di questa nuova serie televisiva è il fatto che non si tratterà di un adattamento dell’opera originale ma di un sequel, osservato da un punto di vista completamente nuovo. I protagonisti di questa serie infatti non saranno gli eroi umanissimi e tormentati di Moore, ma un gruppo di agenti della polizia di New York che, a distanza di parecchi anni dalle vicende originali, avranno di nuovo a che fare con le maschere e con le conseguenze delle loro vecchie azioni.

Facciamo un piccolo passo indietro. Il tema portante di Watchmen emergeva nel finale del fumetto, quando Adrian Veidt/Ozymandias (l’eroe e l’uomo più intelligente del mondo) attuava un piano terribile che prevedeva la distruzione di buona parte di New York con un disgustoso mostro di sua creazione: secondo il piano di Veidt, l’apparizione del mostro sarebbe stata scambiata per un attacco alieno e avrebbe portato la fine della guerra fredda, della minaccia nucleare e di tutti i conflitti in atto. Sacrificare milioni di vite per salvarne miliardi, questo era il piano. Il colpo di genio di scrittura arrivava però dopo, quando Veidt chiedeva al Dottor Manhattan se la sua scelta, alla fine, fosse davvero la migliore possibile ed egli, prima di scomparire in un’altra dimensione, gli rispondeva “nulla ha mai fine”, lasciandolo con un dubbio atroce.

5b77182989c8a1d4218b466b-750-422

“Nothing ever ends” è anche la tagline con cui è stata lanciata la campagna promozionale per la serie, che tra i protagonisti principali avrà infatti Jeremy Irons nei panni di un Adrian Veidt invecchiato e ormai in ritiro in una magione inglese. È ipotizzabile quindi che la serie si possa focalizzare in buona parte sulle conseguenze del piano di Veidt e su un suo eventuale fallimento nel lungo periodo: nell’ucronìa di Watchmen potrebbe esserci spazio infatti per un nuovo grande conflitto mondiale alle porte e per una nuova generazione di “eroi” (le virgolette sono d’obbligo in questo caso) che si muovono in un mondo ostile.

Alcuni indizi sembra averli dati Lindelof in persona con queste parole: “Molti personaggi saranno sconosciuti. Nuove facce, nuove maschere per coprirle. Intendiamo revisionare inoltre l’ultimo secolo di avventure in maschera attraverso una sorprendente serie di nuovi, seppur familiari, occhi: è qui che ci prenderemo il rischio maggiore”. Oltre alla squadra di poliziotti che avrà un ruolo di peso nella serie e he sembra rispondere alla domanda più ricorrente del fumetto originale (Who watches the watchmen?) è prevista per ora la presenza di un nuovo personaggio in maschera di nome Looking Glass, mentre l’account Instagram della serie lanciato nelle scorse settimane ha diffuso l’immagine di un nuovo personaggio in tuta da poliziotto e con una maschera gialla e completamente priva di lineamenti a coprirgli il viso (non è chiaro se si tratti o meno dello stesso Looking Glass).

View this post on Instagram

Who Watches The Watchmen? #WatchmenHBO

A post shared by Watchmen (@watchmen) on

Se la carne al fuoco sembra già tanta c’è da segnalare inoltre che molti indizi e alcuni scatti rubati sul set fanno presupporre che, oltre a sviluppare la storia di Watchmen nel futuro, la serie avrà anche ampio spazio per numerosi flashback sul passato, che arriverebbero anche a coprire parte della storia di Hooded Justice, il primissimo eroe in maschera apparso sul finire degli anni trenta, noto per aver fatto parte dei Minutemen (il primo gruppo di supereroi uniti) e per aver avuto una relazione omosessuale col loro fondatore, Captain Metropolis. Un personaggio controverso, di cui nessuno ha mai conosciuto la vera identità e sul quale correvano voci di atti di pedofilia e sadismo. Non è escluso quindi che i flashback della serie possano quindi ripercorrere l’intera storia delle prime due generazioni di giustizieri mascherati, magari approfondendo i tanti aspetti rimasti in ombra nel racconto originale e rivelando nuovi fatti in grado di rimettere tutto in discussione. Un’altra foto presa dal set, che mostra l’annuncio della morte di Adrian Veidt sulla prima pagina di un giornale, ha gettato un’ulteriore coltre di mistero sul progetto (è un depistaggio della produzione o anche la storia di Veidt sarà un flashback?).

Le domande sono tante, così come la curiosità intorno al progetto: i fan della graphic novel hanno accolto queste notizie con un misto di scetticismo e paura, perché è chiaro che l’intenzione di Damon Lindelof sia quella di spingersi molto oltre i confini del racconto originale, ma dall’altra parte lo stesso autore ha dichiarato di aver compiuto questa operazione con un rispetto quasi maniacale per la fonte originaria, che è stata “trattata come un libro di storia” e il cui spirito rimarrà inalterato. In attesa di scoprire se il noto sceneggiatore sarà riuscito nel suo ambizioso obiettivo possiamo già considerare Watchmen una delle serie più attese del prossimo anno.

Le riprese di Watchmen sono ancora in corso e il cast principale è composto, oltre che da Irons, da Regina King, Don Johnson, Tim Blake Nelson (Looking Glass), Louis Gossett Jr., Adelaide Clemens e Andrew Howard. La serie debutterà nel 2019 su HBO. Per trailer e ulteriori novità, bisognerà aspettare.

Rating: 5.0/5. From 2 votes.
Please wait...

Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.