Spreca Una Vita: l’invito degli Afterhours a trovare noi stessi

Posted by

“Fallisci ancora, fallisci meglio”, sosteneva Samuel Beckett. Tu ora invece, chissà, sei proprio lì. Sull’orlo del baratro ad osservare la tua esistenza priva di punti saldi. E ti sei accorto che:

“Un giorno non giorno
Non vale di più.
Di un prezzo elegante per volare via
Aspetti qualcosa
Lo aspetti una vita
E poi quel qualcosa era proprio l’attesa.”

 Sì!

L’ attesa di un giorno che non giungerà mai a te, perso nell’ego di un orgoglio inutile, essere colti impreparati da  una vera e propria slavina di emozioni contrastanti tra loro…

Sensazioni di vita che precipitano per poi ricomporsi dopo la caduta.

“Amore è il fatto che tu sei per me il coltello col quale frugo dentro me stesso”, Kafka dichiara e continua dicendo: “Da un certo punto in là non c’è più ritorno, è QUESTO il punto da raggiungere.”

Dov’è la crepa?

Ce lo chiarisce Manuel Agnelli: 

“La gente divelta, spezzata a metà
Da amore che manca o da quello che ha
C’è solo paura a far compagnia
A un uomo che odia
E alla sua stanza buia”

L’apprensione esplode, non ce la fa quando è a contatto con un uomo che vive attaccato al cordone ombelicale del suo astio e si nutre della sua stessa rabbia repressa o risulta incapace di convivere con se stesso e i propri fallimenti e ha paura dei fantasmi del passato, di presenze nella sua vita mai realmente affrontate o di situazioni mai riordinate nel cassetto della memoria.

Diventa ciò che sei

Non strisciare, non arrancare, non limitarti a simulare una vita quando puoi darle una sfumatura solo tua e sprecarla ancora e poi ancora. Vai all’essenza di te stesso, alla fonte della verità e della tua stessa anima, anche quando sentirai che la voce della tua convinzione sarà debole, incerta o ridicola se tenterai di rafforzarla.

Adesso sei un uomo

Talvolta però, come afferma Kafka: “È difficile dire la verità (si potrebbe aggiungere dirsi) perché ne esiste sì una sola, ma è viva e possiede pertanto un volto vivo e mutevole.”

Questa è la trappola…

“Un cambio di scena, di velocità

L’inganno, l’imbroglio che spreca una vita.”

“Conosci te stesso non significa: osservati. Osservati è la parola del serpente. Significa fatti padrone delle tue azioni. Ma tu lo sei già, sei padrone delle tue azioni. Questa frase pertanto significa: ignorati/distruggiti! Dunque una cosa cattiva! E solo chi si china profondamente ne ode anche il messaggio buono, che dice: “per fare di te stesso quello che sei”

Franz Kafka
Rating: 4.4/5. From 7 votes.
Please wait...

Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.