La leggendaria intervista di Lester Bangs ai Kraftwerk

Posted by

Era il 1975. Su Creem esce un’intervista inedita tra due leggende: Lester Bangs, da molti considerato il più grande critico rock d’America, e i Kraftwerk, che proprio in quegli anni stavano compiendo una rivoluzione nell’immaginario musicale comune che si rivelerà seminale per la storia della musica elettronica. È un’intervista che oggi si rilegge con piacere. Un esempio di giornalismo che oggi non potrebbe in alcun modo ripetersi. Perché di Lester Bangs oggi non ce n’è più (e se anche ci fosse, pubblicherebbe in via eccezionale su Pitchfork per raggiungere più lettori possibili, per poi restare dimenticato dopo qualche settimana, altro che venir ricordato anni dopo), e di rivoluzioni come quelle dei Kraftwerk nemmeno (e chissà se ce ne saranno mai più in futuro).

Qui sotto trovate un estratto che vi dà un’idea di come interagiscono tra loro delle personalità forti e visionarie: perché il vero giornalismo non è descrivere la musica o dargli un giudizio, ma arricchire l’esperienza dell’ascoltatore con storie che possono renderla più affascinante. Vere, immaginate? Non importa. L’unica cosa che conta è trasmettere fascino e passione.

kraftwerk2

In principio fu il feedback: le macchine che parlavano per conto loro, rispondendo ai presunti padroni con grida di protesta. Gradualmente, gli umani impararono a gestire il feedback, o perlomeno così credevano, e il passo successivo fu l’introduzione di forme di distorsione e suoni artificiali più raffinati, nella forma dei sintetizzatori, anche questi presumibilmente controllati dagli umani.

Nella musica dei Kraftwerk, e di band come loro di oggi e di domani, vediamo finalmente l’apice ultimo di questa rivoluzione, dove le macchine non si limitano a sopraffare gli essere umani ma li assorbono, finché lo scienziato e la sua tecnologia, dopo aver sviluppato la propria autocoscienza, sono una cosa sola.

I Kraftwerk, il cui nome significa centrale elettrica, hanno un nome per questa unione estatica: la man-machine, la macchina-uomo. Ora sto conversando con Ralf Hütter and Florian Schneider dei Kraftwerk….

“Penso che il sintetizzatore sia molto reattivo con l’uomo”, dice Ralf, il cui viso adolescenziale è in qualche modo meno severo di quello di Florian, che invece, come dice un amico, ha l’aspetto di chi “potrebbe assemblare un computer o schiacciare un bottone e far esplodere metà del pianeta con la stessa emotività”. “Le chiamano fredde macchine,” continua Ralf, “ma se metti una persona diversa di fronte al sintetizzatore, lui reagisce subito alle diverse vibrazioni. Penso sia molto più sensibile di uno strumento tradizionale come la chitarra”.

Ho chiesto a Hütter se un sintetizzatore possa rivelare che tipo di persona tu sia, e lui ha risposto: “Sì, è come uno specchio acustico”. Ho voluto sottolineare che la naturale evoluzione di tutto ciò è che le macchine inizino a suonare noi stessi. Lui ha annuito: “Esatto. È quel che facciamo noi. È come qualcosa di robotico, ad un certo livello. Comincia a suonare… non è più te o me, è Lui. Ma non tutte le macchine hanno questa coscienza. Alcune macchine sono limitate ad un unico ingranaggio, ma le macchine complesse…

“Tutta l’attrezzatura che usiamo”, continua Florian, riferendosi al loro studio a Düsseldorf, “può essere considerata un’unica macchina, anche se è suddivisa in pezzi diversi”. Compreso, ovviamente, l’essere umano che contiene…

Gli ho detto che consideravo la loro musica anti-emozionale e Florian, con calma e pazienza, mi ha spiegato: “‘emozione’ è una strana parola. C’è un’emozione fredda e un altro tipo di emozione, entrambi ugualmente valide. Non è emozione corporea, è emozione mentale. Ci piace ignorare il pubblico quando ci esibiamo, concentrandoci interamente sulla musica. L’origine della musica. Il suono puro che vorremmo tanto raggiungere”.

Potete leggere l’intervista integrale, in inglese, su BigShot Magazine.

Vedi anche:

kraftwerkBreve storia della musica elettronica

Annunci

3 comments

Leave a Comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...