L’industria del cinema a rischio estinzione per colpa dei videogiochi?

Posted by

Da qualsiasi prospettiva si prendano in considerazione i rapporti di forza tra cinema e videogiochi, il risultato è sempre lo stesso: il gaming è diventata l’industria dell’intrattenimento capace di ottenere maggiori ricavi, profitti e record di vendite.

La lista dei giochi milionari è piuttosto lunga: citiamo soltanto i giochi di maggior incasso come Grand Theft Auto V o Fornite che sono riusciti a battere i precedenti primati detenuti dai blockbuster hollywoodiani. Per chi volesse approfondire il tema, il casinó online di Betway ha realizzato un articolo approfondito con una infografica interattiva che mette in luce molti altri aspetti del gap in continua crescita fra il gaming e le major di Hollywood.

Oltre all’enorme massa di denaro che riescono a realizzare i blockbuster videoludici, scopriamo come negli ultimi anni sia in continua crescita un ulteriore fenomeno: sempre più attori ed attrici, anche di rilievo si stanno avvicinando all’industria del gaming.

Se prima Samuel Jackson, Sean Bean, Mark Hamill (ma la lista completa è molto più lunga!) si limitavano a dare la loro voce alle produzioni tripla A del gaming, grazie allo sviluppo della tecnologia del motion capture, ora le star di Hollywood hanno delle rappresentazioni digitali fedelissime nei giochi.

Ecco dunque che alla fine del 2019 abbiamo giocato davvero nei panni di Norman Reedus nel controverso Death Stranding ed abbiamo combattuto contro Jon Bernthal (entrambi gli attori appena citati hanno fatto parte del cast di The Walking Dead) nella produzione di Ubisoft Ghost Recon Breakpoint.

Ancora qualche mese e poi a settembre sarà la volta di Keanu Reeves che ci accompagnerà nella storia di Cyberpunk 2077, l’attesissimo videogame creato dalla stessa software della trilogia di The Witcher. L’annuncio della partecipazione del protagonista di Matrix in CP2077 rimarrà scolpita nella memoria di milioni di videogiocatori. Tutto è avvenuto alla conferenza Xbox dell’E3 di Los Angeles nel 2019. Dopo che il video aveva svelato la sua presenza nel gioco e l’attore in carne ed ossa, era arrivato nella sala, il pubblico lo ha omaggiato con un tripudio incredibile che ha emozionato lo stesso Reeves!

Entro la fine del 2020 poi arriveranno le nuove attesissime console “next generation” Playstation 5 ed Xbox Serie X che daranno modo alle software house di creare mondi sempre più grandi, incredibilmente dettagliati e che attrarranno non solo i giocatori ma anche le star del cinema, felici di essere al centro dell’attenzione mediatica e ottenere ingaggi economici importanti.

Ma dunque Hollywood è destinata alla estinzione? Assolutamente no: il cinema è sopravvissuto alla TV, allo streaming e resisterà anche ai videogames. Il grande schermo nel buio della sala ha un fascino unico che continuerà ad accompagnare tutte le generazioni. Ovvio però che le major debbano cambiare le loro strategie e lo hanno già iniziato a fare.

Se dunque nei giochi ci sono sempre più attori dell’industria della celluloide, sempre più personaggi dei videogiochi diventano protagonisti di film di successo. Ultimo in ordine di tempo, Sonic, la mitica mascotte della software house giapponese SEGA, che ha letteralmente sbancato i botteghini, superando ampiamente anche le più rosee aspettative dei produttori.

No votes yet.
Please wait...

Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.