Conversazioni immaginate: come è nato l’ultimo album dei Muse

– “Salve signor Matt Bellamy, sono Mr. X della sua etichetta discografica.”
– “Ah buongiorno, tutto bene in famiglia?”
– “Non ci lamentiamo. Senta, sono passati tre anni dall’ultimo disco dei Muse…”
– “Già tre anni? Come passa presto il tempo.”
– “Eh si. Ci servirebbe un nuovo lavoro.”
– “Proprio adesso? Così, su due piedi?”
– “Sa, c’è il tour e dobbiamo abbinarci un cd. Per educazione più che altro.”
– “Mh, ok.”
– “Perplesso?”
– “No, no! È solo che, al momento, non ho in mano nulla.”
– “C-come sarebbe a dire? Abbiamo detto che esce ad inizio novembre”
– “A-ah. Vabbè. Ditelo al cantante allora.”
– “È lei il cantante.”
– “Al tastierista”
– “Sempre lei.”
– “Al chitarrista”
– “Idem.”
– “… Al compositore?”
– “…”
– “…Io eh? ”
– “Già”
– “Bene. Allora so già tutto.”
– “Vabbè, ripasso tra qualche settimana.”
– “No, NO. ASPETTI. Mi faccia un breve aggiornamento: sono stato un po’ fuori dal mondo in questo periodo. Cosa è accaduto ‘sti tre anni?”
– “È morto Prince.”
-“Porca Miseria.”
– “Eh si.”
– “Un Mito”
– “Già.”
– “L’icona.”
– “Yep.”
– “Nel fiore degli anni, giovanissimo”
– “Oddio, giovanissimo mó…”
– “Vabbè oh, è sempre stato un ottimo giocatore, pure in squadre minori e sul viale del…”
– “… Ma chi?”
– “Boateng.”
– “Mattè, Prince. Quello di Purple Rain.”
– “AH! Cazzo, ma muoiono tutti?”
– “Così pare.”
– “Che pezza.”
– “Non lo dica a me.”
– “E mi dica: qual è la colonna sonora più venduta su Amazon?”
– “Quella di Stranger Things.”
– “…e che è?”
– “Un telefilm che parla di un pischello che finisce in un posto ignoto e non riesce a tornare.”
– “Un altro genio che va a Via di Portonaccio con il Tom Tom?”
-“No.”
– “A Torpignattara?”
– “Nemmeno.”
– “E quindi?”
– “È una roba di al di là di Lovecraft, coi boschi alla Lynch, brutta gente, soffiate alla polizia, mamme che urlano e nostalgia anni 80.”
– “E io che ho detto?”
– “…”
– “E come Cinema? Di chi si è parlato? ”
– “Conta che l’Oscar l’ha vinto La forma dell’acqua di Guillermo del Toro.”
– “E che roba è?”
– “Parla di sta inserviente che se prende bene pe n’alieno mezzo tonno e mez…”
– “Fermo, fermo, fermo!”
– “Che c’è?”
– “Pescheria a parte, in sta storia ci sono complotti, realtà distopiche, supercazzole fantascientifiche da spalmare in una cultura Pop senza nessunissimo perché?”
– “No.”
– “Allora che ci faccio?”
-“Vabbé. Un po’ di fantascienza si è vista in Ready Player One. Regista famoso, rimando ai retrovideogiochi, interfaccia intrippante…”
– “‘spe, guardo su Google… Ready P… Va benissimo!”
–  “Ma ha visto solo la locandin…”
– “Shhh. Lassa stà. Tu non hai visto niente, ok?”
– “Eh? Boh, ok.”
– “Vado di là, aspetta qui”
– “Ma no dai, torno quando il disco sarà pron…”
– “E aspetta qua ti dico!”
– “Mah…ok.”

*Matt Bellamy chiude la porta*
*Rumori di un corpo schiantato su quattro sintetizzatori, ripetutamente e contemporaneamente*
*File Desktop/Lavoro/Musica/mia band/LeSoliteTreVocalsPostAbsolution.Flac*
*Bisbigliare di altre due voci.*
*Sussulto di una stampante*

Una sessantina di minuti dopo…

– “Eccoci, scusa se ti ho fatto aspettare.”
– “Ma no anzi, sto andand..”
– “Ah va bene. Prendi il disco allora, eccolo.”
– “Cos?! Già finito?”
– “Eh si.”
– “Ah.”
– “Perché? Ne servono due stavolta?”
– “NO NO NO, può bastare così.”
– “Sicuro? Guarda che ci metto poco a..”
– “No, tranquillo. Tutto come da contratto.”
– “Vabbe, allora ci si vede tra altri due o tre anni, no?”
– “Eh già.”
– “Stessa modalità?”
– “Purtroppo si.”
– “…come?”
– “Dicevo VA BENE. Ci si rivede verso il 2021, arrivederci.”
– “2021. Ma non c’era mica un film che con quella dat…”
– “Cià.”

Rating: 5.0/5. From 2 votes.
Please wait...

Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.