Partenope, la canzone di Liberato: testo, traduzione e significato

Posted by

Il 9 Maggio 2022 è uscito, sorprendendo un po’ tutti, un nuovo disco di Liberato, l’artista anonimo napoletano che ha fatto molto parlare di sé negli anni passati e che sembrava volersi presentare come una parentesi limitata nel tempo, che non doveva avere seguito in termini di successo e visibilità. A giudicare invece dal modo in cui la gente lo ha accolto, felice di poter sentire nuove canzoni scritte dal misterioso rapper, la storia non era finita: sono sette nuove canzoni e un nuovo stile musicale che rappresenta una novità ben accolta da tutti.

Tra le canzoni più ascoltate c’è Partenope, da cui è stato estratto il video ufficiale che vedete qui sotto, come sempre diretto dal regista napoletano Francesco Lettieri.

Watch this video on YouTube.

Il testo della canzone, la traduzione e il significato

Il testo di Partenope è rigorosamente in dialetto napoletano, come sempre nella tradizione musicale di Liberato. Il soggetto è Partenope, la sirena della mitologia greca. Nella mitologia, una sirena è un essere metà donna e metà pesce che seduceva i marinai conducendoli alla morte. Il video mostra in effetti una storia coerente con la mitologia, con un re che viene affascinato dal ballo in corte di una ragazza sconosciuta, e muore dopo aver scoperto che lei era una sirena.

Il testo della canzone racconta con la stessa coerente i sentimenti di un uomo che si innamora di una ragazza sconosciuta, che lo seduce ma non si lega mai per davvero. L’uomo si sente innamorato come se fosse la prima volta. Ma un giorno la donna sparisce senza lasciare traccia. Lui la cerca, e non trovandola, capisce il significato delle parole che spesso lei ripeteva: “sono una sirena.”

Ecco il testo completo della canzone e la relativa traduzione in italiano:

Ô Chiostro ‘e Santa Chiara na matina te ‘ncuntraje
Accumminciaje a cantá, nun l’aggio fatto maje
“Staje calmo”, rispunniste, “‘E na manera ammo apparà”
“Ce stanno tutt”e cumpagne, mo nun pozzo parlá”
‘A primma vota ascettemo, ô mare me purtaje
Dicette: “Me faje chiagnere, tu me faje male assaje”
E popo allora ‘int’a chillu mumento c”a vasaje
“Ammò, so’ na sirena”, dicette e me guardaje

Al Chiostro di Santa Chiara un giorno ti incontrai
Cominciai a cantare, non l’avevo mai fatto
“Stai calmo”, rispondesti, “e in qualche modo faremo
“Ci stanno le altre ragazze, ora non posso parlare”
La prima volta che uscimmo, mi portò al mare
Dissi: “Tu mi fai piangere, mi fai tanto male”
E fu proprio allora che la baciai
“Amore, sono una sirena”, disse e mi guardò

Ce piace a ballá ‘nnanz’a tutte quante
No, nun se ne fotte ‘e chi ce sta annanze
Dice: “S’Agapõ” cu na sola ‘nganna
Sempe pe piacere, maje pe cummanno
Chesta è na dio ‘e preta, ma nun s”o penza
Ce piace ‘e fá ‘a femmena ‘e cunfedenza
Chella voce è n’arma senza licenza
Baby, nun te pozzo fá resistenza

Le piace ballare davanti a tutte
Non le importa di chi ha davanti
Dice: “Ti amo” (in greco) e ti bacia in bocca
Sempre per piacere, mai per dovere
Lei è una Dea di pietra, ma non lo sa
Le piace essere una donna sicura di sé
La sua voce è un arma senza licenza
Baby, non posso farti resistenza

‘Nnammurato for the first time, na-na, na-na
‘Nnammurato for the first time, na-na, na-na

Innamorato per la prima volta (in inglese), na-na, na-na
Innamorato per la prima volta (in inglese), na-na, na-na

Ma che ce tene chesta? Na, na, na, na, na
Nun se perde maje na festa, na, na, na, na, na
‘Int’ô lietto è na tempesta, na, na, na, na, na
‘Nnammurato for the first time, na, na, na, na, na
Lievate ‘a cammesella, na, na, na, na, na
‘Bbascio ‘sta scalinatella, na, na, na, na, na
‘O ritratto ‘e nanninella, na, na, na, na, na
Comme è tosta ‘a piccerella, na, na, na, na, na

Ma cos’ha questa? Na, na, na, na, na
Non si perde mai una festa, na, na, na, na, na
A letto è una tempesta, na, na, na, na, na
Innamorato per la prima volta, na, na, na, na, na
Togliti la camicetta, na, na, na, na, na
Sotto questa scalinata, na, na, na, na, na
Il ritratto di una santa, na, na, na, na, na
Quanto è tosta la bambina, na, na, na, na, na

Ô Chiostro ‘e Santa Chiara a mezanotte me purtaje
Accumminciò a parlá, nun l’eva fatto maje
“Stai calmo, ma ce sta nu fatto che t’aggi”a cuntá
Ammò, so’ na sirena”, dicette e me guardaje

Al Chiostro di Santa Chiara a mezzanotte mi portò
Cominciò a parlare, non l’aveva fatto mai
“Stai calmo, ma c’è una cosa che devo raccontarti”
“Amore, sono una sirena” disse e mi guardò

‘Nnammurato for the first time, na-na, na-na
‘Nnammurato for the first time, na-na, na-na

Innamorato per la prima volta (in inglese), na-na, na-na
Innamorato per la prima volta (in inglese), na-na, na-na

Ce piace ‘e cantá ‘nnanz’a tutte quante
No, nun se ne fotte ‘e chi ce sta annanze
Sempe cu na mano ca sta accucchianno
A ffá ammore ô Parco d”a Rimembra-bra-bra
Ma che ce tene chesta, na, na, na, na, na
Cu chell’aria ‘e principessa, na, na, na, na, na
Pe na stupida promessa, na, na, na, na, na
‘Nnammurato for the first time, na, na, na, na, na

Le piace cantare davanti a tutte
Non le importa di chi ha davanti
Sempre con una mano che raccoglie
A far l’amore al parco delle Rimebra-bra-bra
Ma cos’ha questa? Na, na, na, na, na
Con quell’aria da principessa, na, na, na, na, na
Per una stupida promessa, na, na, na, na, na
Innamorato per la prima volta, na, na, na, na, na

‘Nnammurato for the first time (Na-na, na-na)
‘Nnammurato for the first time (Na-na, na-na)

Innamorato per la prima volta, na, na, na, na, na
Innamorato per la prima volta, na, na, na, na, na

Nu juorno bell’e bbuono a ‘sta guagliona nn”a truvaje
Chiedette a tutte parte, nisciuno me pensaje
Nun te n’adduone ca ‘sta piccerella t’affunnaje
“Ammò, era na sirena”, dicette e me guardaje

Un bel giorno questa ragazza non la trovai più
Chiesi da ogni parte, nessuno seppe rispondermi
Non ti sei accorto che questa fanciulla ti ha affondato
“Amore, era una sirena” disse e mi guardò