Chloe, la spiegazione del film e del finale: qual è l’inganno?

Posted by

Questo articolo rivela elementi importanti della trama e della spiegazione di Chloe – Tra seduzione e inganno di Atom Egoyan, svelandone il significato, gli eventi e le prospettive migliori per apprezzarne i pregi. Se ne suggerisce dunque la lettura solo ed esclusivamente dopo aver visto il film, e non prima, per evitare di perdervi il gusto della prima visione.

Chloe è un film del 2009 con una serie di interpreti importanti (i principali sono Julianne Moore, Liam Neeson, Amanda Seyfried), remake di un film francese del 2003, Nathalie. La trama del film sembra lineare per tutta la prima metà della visione, per poi cambiare alla fine, con una trasformazione degli eventi che fanno vedere sotto una luce diversa tutti i protagonisti. Vediamo insieme in cosa consiste la trama e cosa accade nel finale.

La trama del film

Protagonista del film è Catherine (Julianne Moore), una ginecologa di mezza età, sposata con David (Liam Neeson). I due hanno un figlio adolescente. Già all’inizio del film si ha la sensazione che all’interno della famiglia i rapporti siano abbastanza incrinati: il figlio non rivolge la parola alla madre, mentre Catherine di prodiga nell’essere una brava moglie, organizzando una festa a sorpresa per il compleanno del marito, che però quella sera dice di aver perso l’aereo, non rientra a casa e resta fuori, comportandosi in maniera fredda al suo rientro. Quando Catherine legge per caso un messaggio nel telefono di David, in cui una ragazza lo ringrazia per la serata, diventa certa di essere tradita dal marito.

Entra dunque in contatto con Chloe (Amanda Seyfried), una prostituta che aveva incrociato già la sua strada alcune volte, prima nel bagno del ristorante in cui era andata una sera, e poi osservandola lavorare praticamente ogni giorno dalla finestra del suo studio ginecologico. Catherine paga Chloe per inscenare una situazione a un bar e mettere alla prova il marito, per capire se è propenso al tradimento. Da quel momento Chloe, forzando anche parzialmente la mano senza che Catherine glielo chieda esplicitamente, inizia a raccontare frequentemente a Catherine degli incontri col marito, delle cose che si dicono e del modo in cui i due fanno sesso. Man mano che il film prosegue, Chloe diventa intima anche con Catherine e le due finiscono a letto insieme. Chloe si mantiene vicina anche al figlio e i due finiscono per conversare insieme di tanto in tanto.

A un certo punto Catherine sente di essersi spinta troppo oltre, e inoltre sente la presenza di Chloe troppo insistente nella sua vita, per cui le chiede di sparire, smettere di vedere suo marito e allontanarsi dalla sua famiglia. Quando, nel suo studio, consegna a Chloe un assegno chiedendole di uscire dalla sua vita, vediamo Chloe sconvolta, dimostrando che in realtà non lo stava facendo per soldi: Chloe è autenticamente innamorata di Catherine ed è sconvolta all’idea che Catherine, invece, voglia allontanarla. Questo ci conduce ai colpi di scena che porteranno al finale del film.

La spiegazione del film e del finale

Rendendosi conto che Chloe non si allontana sul serio, Catherine decide di organizzare un incontro col marito in un bar, una sera. In quell’incontro gli chiede di dirsi tutto in maniera sincera, e lui gli confesserà che la sera del suo compleanno ha perso l’aereo di proposito perché non voleva festeggiare il compleanno, ed ha bevuto qualcosa con una sua studentessa, senza però averla tradita in alcun modo. In quel momento Chloe entra nel bar, scopre sorpresa che al tavolo è seduto anche il marito. I due si guardano e il marito mostra in maniera inequivocabile di non averla mai vista. In quel momento Catherine capisce l’inganno: Chloe non ha mai visto il marito e non ha mai fatto tutte le cose che le ha raccontato; Chloe si inventava tutte quelle situazioni per arrivare a Catherine ed avere una relazione con lei. Consapevole che quell’incontro avrebbe svelato l’inganno, Chloe lascia il bar senza parlare con nessuno dei due.

Catherine e David si ricongiungono, David torna a lavoro e Catherine va a casa. Qui scopre che Chloe era andata a casa sua e aveva sedotto il suo figlio adolescente. Scoprendoli nel suo letto, nudi, Catherine capisce che l’ossessione di Chloe per lei è pericolosa e le chiede cosa vuole da lei. In un momento convulso, Chloe è in bilico alla finestra, potrebbe tenersi salsa ma decide di lasciarsi andare e uccidersi, consapevole che Catherine non è innamorata di lei.

Il finale del film simboleggia la famiglia che torna unita, con una festa riuscita in cui sia Catherine che David sono presenti e il figlio che partecipa come barista, volontariamente. Nel vedersi tutti uniti contro un’intruso esterno quale Chloe era, l’intera famiglia torna compatta. Il film si chiude sul dettaglio del fermaglio che Chloe aveva regalato a Catherine e che Catherine indossa alla festa: segno che una parte di lei comunque è rimasta legata a ciò che quel fermaglio rappresenta.

Chloe dunque è un film che racconta l’inganno subito da Catherine, inganno che diventa un pericolo per l’intera famiglia e da cui diventa difficile tirarsi fuori. La morte di Chloe diventa per certi versi una liberazione per Catherine, che probabilmente finirà per ammettere a se stessa anche che il modo in cui Chloe è entrata ed uscita dalla sua vita ha portato degli effetti positivi nel modo in cui la sua esistenza di è evoluta.