Hey Hey Rise Up: il significato dell’ultima canzone dei Pink Floyd

Posted by

L’8 Aprile 2022 i Pink Floyd tornano a far parlare di sé attraverso la pubblicazione ufficiale di una nuova canzone, Hey Hey Rise Up, dichiaratamente di supporto alla resistenza ucraina contro l’invasione da parte della Russa. Il video ufficiale della canzone è qui sotto.

La canzone è stata realizzata in collaborazione con Andriy Khlyvnyuk della rock band americana BoomBox. Andriy era in tour quando l’attacco all’Ucraina è iniziato, ha interrotto il tour ed è tornato in Ucraina per difendere la sua nazione. Una volta tornato, ha pubblicato un video in cui cantava la canzone The Red Viburnum in the Meadow (Oi u luzi chervona kalyna), una tradizionale canzone patriottica ucraina. Tutto questo è spiegato all’inizio del video ufficiale.

Il testo del brano è dunque quello della canzone patriottica Ucraina e rappresenta un messaggio di resistenza contro chi vuole piegare il popolo ucraino. Lo trovate qui sotto.

Oh, in the meadow a red viburnum has bent down low
For some reason, our glorious Ukraine is in sorrow
And we’ll take that red viburnum and we will raise it up
And we shall cheer for our glorious Ukraine, hey, hey
And we shall cheer for our glorious Ukraine, hey, hey

Oh, nel prato un rosso viburno si è chinato in basso
Per qualche ragione, la nostra gloriosa Ucraina è addolorata
E prenderemo quel viburno rosso e lo alzeremo
E faremo il tifo per la nostra gloriosa Ucraina, ehi, ehi
E faremo il tifo per la nostra gloriosa Ucraina, ehi, ehi

Facendo di un inno patriottico ucraino una nuova canzone, la posizione dei Pink Floyd dunque si presenta come apertamente dalla parte dell’Ucraina e della sua resistenza. Una posizione più netta di quella dell’ex leader Roger Waters, che invece qualche tempo fa si è espresso in maniera più articolata, sottolineando come schierarsi da una parte significhi fare comunque il gioco dei signori della guerra, da lui chiamati gangsters.