The Father: un film fatto di poesia e disperazione

“Quando sei qui con me questa stanza non ha un più pareti”. Bastano poche parole, per riportare alla mente la celebre canzone di Gino Paoli, e abbandonarsi ad una delle melodie più eteree ed eterne della musica italiana.

Cosa accade invece quando sono i ricordi ad abbandonare, a volte per sempre, la nostra memoria?

Il regista e drammaturgo francese Florian Zeller, ci offre uno sguardo lucido e complesso circa una realtà completamente trasfigurata, come quella percepita da un padre (Anthony Hopkins) malato di Alzheimer e da una figlia (Olivia Colman) in bilico tra gli spazi stravolti di una lacerante compassione.

The Father è un film che decontestualizza ogni senso dal suo orizzonte e ogni cielo dalla propria stanza. Se vita e morte sono in netta contrapposizione fra loro, vivere e morire sconfinano, talvolta dolorosamente, l’uno nell’altro. Morire è ancora un vivere segnato, indelebilmente, dalla disperazione di una richiesta d’aiuto non accolta.

Watch this video on YouTube.

Una sequenza particolarmente straordinaria, è quella in cui padre e figlia attendono l’arrivo della nuova infermiera mentre fanno colazione. Quando quest’ultima arriva, il padre non volendo farsi trovare in pigiama, chiede alla figlia di aiutarlo a vestirsi. Anne, nella fretta di ricevere l’assistente, banalizza il pudore e l’imbarazzo del padre, ferendone la dignità.

Indescrivibile è il senso di mortificazione che appare sul volto di Anthony Hopkins, che con un’espressività magistrale, vince il suo secondo Oscar come miglior attore, grazie proprio a questa pellicola.

C’è qualcosa che induce a pensare che in fondo le emozioni e la sensibilità, non si cancellino mai del tutto, nemmeno quando muoia progressivamente la memoria dei numeri e dei nomi. Rimane, tuttavia, una strana poesia nell’osservare un albero che perde silenziosamente le sue foglie; nell’eccezionalità di un momento, fortunato e misterioso, in cui un genitore riconosce il volto del proprio figlio, o ancora, nell’umanità di un’infermiera che consola, col suo abbraccio forte e sconosciuto, i degenti d’un ospizio “Abbandonati, come se non ci fosse più, niente più niente al mondo.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.