La lettera che Ingrid Bergman scrisse a Roberto Rossellini

Posted by

È il 7 maggio 1948 quando un Roberto Rossellini all’apice del successo riceve una lettera; sulla lettera c’è una firma, è quella di Ingrid Bergman. Il testo recita così:

“Caro Signor Rossellini,
ho visto i suoi film Roma Città Aperta e Paisà e li ho apprezzati moltissimo. Se ha bisogno di un’attrice svedese che parla inglese molto bene, che non ha dimenticato il suo tedesco, non si fa quasi capire in francese, e in italiano sa dire solo ‘ti amo’, sono pronta a venire in Italia per lavorare con lei.”

La Bergman, che aveva già recitato in Casablanca, Per chi suona la campana e Notorious e aveva avuto quattro nomination all’Oscar, era rimasta per l’appunto folgorata dall’innovativo stile rosselliniano: il neorealismo. Il regista italiano aveva girato i suoi due film di maggior successo, Roma Città Aperta e Paisà, in un’Italia disastrata e appena liberata dall’occupazione nazifascista; quella che fu una necessità (ovvero girare con un budget bassissimo, senza scenografie, senza attori professionisti se non per qualche eccezione, all’aria aperta e con un’illuminazione naturale) divenne uno stile ben preciso, che influenzerà non solo tutto il cinema italiano, ma l’intera ondata delle Nouvelle Vagues (Godard e Truffaut idolatravano Rossellini).

52306
Ingrid Begman e Roberto Rossellini sul set di Viaggio in Italia (1954)

Quell’indiretto “ti amo” scritto in lettera è il primo passo di una turbolenta storia d’amore tra la Bergman e Rossellini: la svedese infatti rimarrà incinta di lui durante le riprese di Stromboli, Terra di Dio (1950), subendo dunque un pesante divorzio da suo marito, il dottor Aron Lindstrom, e venendo praticamente disconosciuta dalla figlia Pia. Inoltre i puritani Stati Uniti, abbastanza infervorati per aver perso la loro più grande diva, montarono una gigantesca campagna di degradamento dell’immagine pubblica dell’attrice, definita: “apostolo della degradazione di Hollywood

Il divorzio di Rossellini fu più tranquillo, ma l’accoglienza della critica italiana ai nuovi film (oltre a Stromboli, Terra di Dio; Europa ’51, del 1952 e Viaggio in Italia, del 1954) con la Bergman non fu certo benevola: al cineasta venne imputata una svolta religiosa e ascetica, che si allontanava dagli ideali marxisti della sua trilogia neorealista. La trilogia con la Bergman venne però molto apprezzata dalla Nouvelle Vague francese e oggi Viaggio in Italia viene considerato dalla critica come uno dei suoi capolavori.

gallery-1504018148-ingrid-bergman-4
Roberto Rossellini, Ingrid Bergman e i loro tre figli

I due avranno tre figli: Isabella (che raggiungerà la fama internazionale in Velluto Blu di David Lynch) e i due gemelli Isotta e Renato; il matrimonio sarà però burrascoso e terminerà nel 1957. In ogni caso la loro unione resta negli occhi e nei cuori di tutto il mondo come una appassionata e appassionante storia d’amore tra due delle personalità cinematografiche più importanti del Novecento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.