Liberato è davvero Calcutta?

Posted by

Nel gioco degli inganni e delle false identità tutto è possibile e nulla può davvero definirsi certo, anche se lo vedi coi tuoi stessi occhi. Come quello che è accaduto al MIAMI Festival, la sera in cui era prevista la prima esibizione pubblica di Liberato, il misterioso fenomeno hip-hop in dialetto napoletano che ha scatenato le curiosità degli italiani negli ultimi mesi. Il live c’è stato e a salire sul palco per cantare Nove Maggio e Tu t’e Scurdat’ ‘e Me, sotto lo shock di tutti, è stato Calcutta. Insieme a due rapper italiani, Izi e Priestess, e un produttore argentino, Shablo. Quattro personaggi (nessuno dei quali di origini napoletane) insieme dietro al mistero Liberato? Questo è quel che si vorrebbe far credere. Il video che sta circolando furiosamente in questi giorni è quello che vedete qui sotto.

Certo, gli interrogativi restano, a partire dalla sorpresa nel sentire Calcutta cantare con un autentico accento napoletano (nonostante sia laziale). Molte cose in effetti coinciderebbero, dalla presenza comune di Francesco Lettieri alla regia dei video a certe somiglianze notate da Rockol tra la foto pubblicata ieri sul profilo Facebook di Liberato con la sciarpa “Forza Napoli” e la copertina dell’album di Calcutta Mainstream.

liberato_calcutta

Della serata al MIAMI è rimasta la sensazione che Liberato non può essere Calcutta e che quell’esibizione sia una gigantesca truffa messa in piedi proprio dallo stesso Liberato, che avrebbe chiesto ai quattro di salire sul palco e cantare le sue canzoni. Magari stando a guardare in platea “per vedere l’effetto che fa“. Di conferme e indizi su chi però possa essere Liberato in giro ce ne sono pochi. E se qualche tempo fa Giorgio Moroder ha fatto lo scherzone dicendo di essere lui Liberato (non è vero, ovviamente), nei giorni scorsi è stato Francesco Lettieri, il regista dei suoi video che abbiamo intervistato qualche tempo fa, a svelare qualche indizio: “Liberato è napoletano e orgoglioso di esserlo, ma non è nessuno di quelli a cui avete pensato finora”. Viene quasi da prendere per buona la sua risposta, quando gli chiedemmo chi fosse Liberato: Maurizio Sarri.

E ora gli occhi sono tutti puntati al Club To Club, che il 4 novembre prevede un live di Liberato. Vediamo che succede.

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.