Le cosmimusiche di Jeff Mills: dai pianeti di Holst alla luna di Méliès

Jeff Mills è così: non si ferma mai e non si accontenta di fare un album di nuova musica ogni tanto, come fanno tutti i normali esseri umani che si definiscono artisti nel pianeta Terra. Lui non è un essere umano del pianeta Terra. Lui ha sempre motivi per allontanarsi verso un’altra dimensione. D’altronde lui ha sempre preferito le stelle, lo spazio, l’oscurità del cosmo al cielo sporco della nera Detroit. E infatti è lì che puntano i suoi ultimi due progetti.

jeffmills

Il primo è Planets e lo vede fondere la sua musica insieme a un’orchestra classica: 18 movimenti, una rivisitazione della celebre suite per orchestra del compositore britannico Gustav Holst, composta tra il 1914-1917. Ogni movimento rappresenta un pianeta – l’opera di Holst ne aveva sette, la Terra rimaneva esclusa – più gli spazi tra i pianeti, quelli che Mills chiama i Loop Transits, che rappresentano appunto lo spazio che intercorre tra un pianeta e altro tempo durante il viaggio musicale interstellare. Trovate il trailer qui sotto. Il tour orchestrale è già iniziato da mesi, invece del disco (che sarà a tutti gli effetti il nuovo album di musica inedita prodotto da Jeff Mills) ancora non si ha traccia, anche se la registrazione è avvenuta a luglio presso gli Abbey Road Studios. Forse attenderà il 2017, per celebrare il centenario dell’opera di Holst?

L’altro progetto è la colonna sonora per il celebre film muto Viaggio Nella Luna di Méliès, uno dei primissimi film di fantascienza del pioniere dei primi effetti speciali, risalente al 1902. Un classico del primissimo cinema che rivede la luce, stavolta col necessario accompagnamento musicale, prodotto da un appassionato di fantascienza dall’eccellente talento qual è Mills. Qui sotto l’anticipazione rilasciata qualche giorno fa dalla stessa Lobster Films. Il dvd è già in vendita da un paio di mesi presso la pagina ufficiale dell’iniziativa, mentre l’uscita della registrazione è attesa a brevissimo e lo stesso Mills sulla sua pagina Facebook negli ultimi giorni ha invitato il pubblico a restare in attesa.

E noi ovviamente restiamo qui ad aspettare. Tanto si sa: da Mills arrivano sempre, solo cose di qualità superiore alla media.

One thought on “Le cosmimusiche di Jeff Mills: dai pianeti di Holst alla luna di Méliès

Leave a Comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...