Gli errori di pronuncia sui nomi dei dj tedeschi: il troll in cui son cascati tutti

Posted by

No, ragazzi, noi non ce la possiamo fare. Davvero. Noi abbiamo una visione della scena giornalistica ottimista, perlomeno quella fuori confine. Almeno quella. E invece niente, quando meno te l’aspetti arriva la doccia fredda dell’amara realtà. Succede che qualche giorno fa appare su Youtube questo strano video di un minuto e mezzo che sembrerebbe spiegare in maniera professionale la pronuncia corretta in tedesco di alcuni rinomati dj, teutonici e non. Il video ricade all’interno di una serie chiamata Korrekte Aussprache (“pronuncia corretta” in tedesco). Lo trovate qui sotto. Ed è stato pubblicato come notizia seria e convinta da magazine titolati come Thump, DJ Mag, Electronic Beats, Ministry Of Sound e vari altri, con titoli esuberanti tipo “abbiamo scoperto che avete sempre pronunciato il nome di questi DJ in maniera sbagliata!“. Ascoltatelo.

Ora, chi vi scrive vive in Germania da anni e ha una discreta conoscenza della corretta pronuncia tedesca. Ma anche per chi non sa una virgola di tedesco, basta un po’ di buonsenso a capire che è una trollata bell’e buona. Per dire:

  • Efdemin pronunciato “Eminemf“. The real Slim Shadyf.
  • Marcel Dettmann diventa “Marshall Deadman“. Direttamente dagli Stati Uniti.
  • Dirty Doering detto “Dirty Dancing“. E qui ancora a nessuno era venuto in mente che si trattasse di un troll.
  • Ricardo Villalobos (che per inciso è cileno, e noi pensavamo che a DJ Mag almeno qualcuno lo sapesse…) si trasforma in Vanillabulbuch. Cono o coppetta?
  • Adam Port diventa a luci rosse e suona come “Adiem A Porn“.
  • Bozzy Nozzy“. Hanno trasformato Boys Noize in Bozzy Nozzy. E qualcuno ora pensa di doverlo chiamare Bozzy Nozzy. Bozzy Nozzy
  •  Woody è “wow die“. O forse è italiano: “Wow! Dai! Grande!

Le altre prese in giro ve le lasciamo trovare da soli. E magari potete anche farvi un giro tra gli altri video caricati su Youtube dallo stesso canale. C’è quello in cui il famoso cognome tedesco Müller diventa quasi “muglié e quell’altro dove prendono la parola “bestseller” (famosa parola tedesca, tra l’altro) e la pronunciano come Besteller (che in tedesco significa “colui che ordina“).

djmagpaulvandyk

E per inciso: DJ Mag ha titolato a caratteri belli grossi “state pronunciando Paul Van Dyk in modo sbagliato“. Il che succede più o meno da sempre, con mezzo mondo a dire /dik/ e l’altro mezzo a dire /daik/. Lui è nato in Germania e se dovessimo seguire le regole della pronuncia tedesca sarebbe “dük” o “djk“. Di sicuro non Duck, come fosse un’anatra in Inghilterra. Ma visto che è un dj di fama internazionale, è ovvio che non c’è niente di male a pronunciarlo all’inglese. Come succede anche a Mr. Oizo (“Mister Oizo”), che da francese qual è teoricamente dovrebbe correggere tutti dicendo: “Non, je suis monsieur Oizo!“. Uazó! Olé!

Incredibile. E non si può neanche dare la colpa al caldo, visto che la sede di DJ Mag è a Londra, e questa settimana hanno avuto una temperatura media di 20 gradi. Forse si son fatti una tequila di troppo. Anzi no, una techla

Annunci

Comment