The Electronics: i video musicali animati più belli di sempre

Gli elettronici arrivano alla fine del viaggio e sono quelli più sfuggenti e intriganti, forti del loro carattere sempre un po’ aristocratico: non si arrendono mai alla pura popolarità eppure amano strizzare l’occhio al grande pubblico dall’alto, sfruttando la potenza del loro carattere ricercato. Con gli ultimi cinque video chiudiamo in bellezza, in equilibrio tra sperimentazione e istinto.


Breakbot – Baby I’m Yours

Anno 2012, il verbo Breakbot si sparge tra gli ambienti web attenti alla musica di qualità, col suo appeal disco moderno, la spensieratezza e il dinamismo animato del video. Questa non è più l’era del buzz mediatico in tv, e probabilmente nemmeno gli anni migliori per esplodere come fenomeno globale, ma tra chi ne capisce Breakbot diventa una garanzia di qualità. Diretto da Irina Dakeva.


Röyksopp – Remind Me

Anno 2002, i migliori Röyksopp lanciano in orbita il loro primo album con un video dai sapori tipicamente scandinavi: suono sintetico tagliente e video che appare armonico e alienante allo stesso tempo. Erano ancora i tempi in cui si poteva far colpo in tv e infatti il video funzionò benissimo. Diretto dallo studio francese H5 (che ritroveremo tra un attimo).


Alex Gopher – The Child

Anno 1998, l’ennesimo, piccolo capolavoro audiovisivo arriva ancora una volta dalla Francia e sfrutta la semplicissima idea di sostituire ogni oggetto con il proprio nome scritto in caratteri grassi. Il suono è curatissimo e raffinato, secondo migliore tradizione francese, la vicenda riguarda una donna prossima al parto. Diretto anche questo dallo studio H5 (che oltre ai vari spot pubblicitari si occuperà anche di nomi come Massive Attack e Goldfrapp).


Deadmau5 – The Veldt

Anno 2012, uno dei produttori elettronici più discussi dell’era moderna rilascia quella che diventerà una delle sue tracce più rappresentative. Deadmau5 ha un caratteraccio ma sa far musica che può piacere a chiunque, conosce la tecnica e sa come evitare di abusarne. Qui abbiamo un tocco trance delicatissimo e una storia d’amore dallo spirito infantile. Diretto da Qudos Animations.


Plaid – Eyen

Anno 2008, sul sito della Warp compare un video dall’altissima carica emotiva che ripropone una traccia dei Plaid dall’album Double Figure del 2001. La comunità elettronica si trova a riscoprire l’eleganza inarrivabile del gruppo inglese che partecipò all’espansione della mitica onda intelligent music degli anni ’90. Diretto dal regista francese Jean Luc Chansay, che nella realizzazione del video riutilizza ad arte alcuni disegni fatti da sua figlia di 5 anni.

Segui la lista completa:

daftpunk_interstella5555I video musicali animati più belli di sempre

Leave a Comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...