In The Air Tonight: il significato del capolavoro di Phil Collins

Posted by

1979. Phil Collins è il frontman dei Genesis. 3 anni prima prendeva le redini del gruppo registrando le voci nell’album A Trick of the Tail dopo una serie di audizioni fallimentari volte a sostituire Peter Gabriel, uscito dalla band per intraprendere la carriera solista.

Phil sta attraversando un periodo difficile, e come spesso accade ai grandi artisti decide di isolarsi, solo con la sua drum machine, per mettere nero su bianco i suoi sentimenti, la sua rabbia, le sue paure.

In preda alla pura ispirazione, scrive In the Air Tonight. Improvvisa il testo e gran parte della strumentale, compreso il celebre fill di batteria entrato nella storia non solo per bellezza e semplicità, ma anche per l’innovativo utilizzo del gate reverb (effetto in grado di conferire alla batteria la risonanza del riverbero senza “bagnare” eccessivamente il suono, lasciandolo quindi incisivo e potente).

I can feel it coming in the air tonight, sento che sta arrivando, stanotte lo sento nell’aria. Phil sente che un ricordo sta tornando a fargli visita. I’ve been waiting for this moment for all my life, è tutta la vita che aspetto questo momento. Il momento giusto per raccontare questa storia.

Well, if you told me you were drowning
I would not lend a hand.
I’ve seen your face before, my friend
but I don’t know if you know who I am.
Well, I was there and I saw what you did,
I saw it with my own two eyes.
So you can wipe off that grin, I know where you’ve been.
It’s all been a pack of lies.

Beh, se mi avessi detto che stavi affogando
non ti avrei teso la mano.
Ho già visto il tuo viso, amico mio
ma non so se sai chi io sia.
Ebbene, ero lì e ho visto cosa hai fatto,
l’ho visto con i miei occhi.
Quindi puoi toglierti quel sorriso, so dove sei stato.
È sempre stato tutto un mucchio di menzogne.

Well, I remember.
I remember, don’t worry.
How could I ever forget? It’s the first time,
the last time we ever met.
But I know the reason why you keep your silence up.
No, you don’t fool me.
Well, the hurt doesn’t show, but the pain still grows.
It’s no stranger to you and me.

Beh, io ricordo.
Io ricordo, non preoccuparti.
Come potrei mai dimenticare?
È stata la prima e ultima volta che ci siamo visti.
Ma so la ragione per cui mantieni il tuo silenzio.
No, non mi freghi.
La ferita non si vede, ma il dolore continua a crescere.
Niente di nuovo, né per me, né per te.

Secondo una leggenda metropolitana, Phil vide un uomo affogare in un lago non lontano da casa sua, e un altro uomo lì accanto, che nonostante avesse la possibilità di salvarlo, non lo fece.

Il macabro racconto di quella morte terribile inizia con un’affermazione forte: “se mi avessi detto che stavi affogando, non ti avrei comunque aiutato”.

“Ci siamo già visti, forse non sai chi sono ma io so cosa hai fatto, so delle bugie che hai raccontato. Decido quindi di non salvarti, di lasciarti affogare, perché è ciò che meriti. Quello che hai fatto lo ricorderò per sempre, io so dov’eri e conosco il motivo dei tuoi silenzi, ma non riuscirai a fregarmi. Non mi vedrai soffrire anche se il dolore crescerà. E lo sappiamo entrambi”.

I grandi artisti comunicano spesso con immagini forti, che non sempre corrispondono a fatti realmente accaduti. Nessun uomo è annegato se non nella mente di Phil Collins. La persona a cui Phil sta parlando è in realtà la sua ex moglie, Andrea.

In quel periodo, Phil aveva fatto ritorno da un lungo tour con i Genesis e aveva appreso una dolorosa realtà. Andrea l’aveva tradito. E non fu una storia da una sola notte, una scappatella: da anni, Andrea aveva una relazione segreta alle spalle di Phil.

Venire a conoscenza dei fatti scosse Phil profondamente, tanto che lasciò i Genesis per un anno e mezzo, isolandosi completamente dal mondo. Ritornò dai suoi compagni solo una volta ultimato Face Value, il suo primo album solista, composto da brani molto cupi e personali, scritti per lo più nottetempo facendosi guidare dall’istinto.

L’immagine di Andrea che scompare in acque oscure colando a picco sul fondale, assume un nuovo significato: “Quando starai male, quando sentirai il mondo franarti addosso, quando tutto ti sembrerà perduto, io per te non ci sarò. Non ti offrirò una mano per risalire, quando toccherai il fondo. Non dimenticherò mai ciò che hai fatto e non tornerò da te, anche se di tanto in tanto, nell’aria della notte, sentirò arrivare l’odio, la rabbia e la tristezza che mi hai causato.”

Per tutta la vita, Phil Collins ha aspettato quel momento. Il momento perfetto per racchiudere le sue emozioni più forti e controverse in un capolavoro come In The Air Tonight.

Rating: 4.0/5. From 2 votes.
Please wait...

Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.