Alberto Camerini, l’arlecchino del rock italiano

Immaginate che siate davanti alla TV e d’un tratto appaia un ragazzo truccato marcatamente, con i vestiti di Arlecchino, che contamina rock, musica brasileira ed elettronica, i cui testi narrano dell’alienazione, data dalle tecnologie, della società occidentale degli anni ’80.

Questa apparizione si è manifestò al pubblico italiano poco meno di quarant’anni fa, e il nome di quel personaggio con le movenze da mimo, che si ispirava esplicitamente a Bowie e Freddie Mercury, era Alberto Camerini. Per gli addetti ai lavori, “l’arlecchino del rock italiano”.

Alberto, nato in Brasile da una famiglia di ebrei italiani stabilitosi in Sud America per fuggire alle leggi razziali del ’38, una volta tornato in Italia, lavorò dapprima come chitarrista nelle sale d’incisione, infatti sue sono le chitarre in molti brani di Patty Pravo, Equipe 84 e Area, e subito dopo decise di intraprendere la carriera da cantante.

Dopo anni di gavetta e album pubblicati, nel 1981, arrivò a pubblicare Rudy e Rita, album che lo consegnò nelle mani del successo, soprattutto grazie al singolo estratto, Rock ‘n roll Robot.

Ruby e Rita fu pensato per rappresentare la dualità uomo-donna, infatti, la copertina del Long Playing è contesa da un Alberto caratterizzato solo dal colore giallo e un altro Alberto circondato da un cuore rosa, appunto, una parte maschile e un’altra femminile, Ruby e Rita.

Parlavamo di Rock ‘n roll Robot, batteria e basso dettano i tempi ai sintetizzatori mentre Camerini, descrive in modo scanzonato e profetico i rapporti interpersonali filtrati dall’avvento delle tecnologie.

Se il mondo ti confonde, non lo capisci più,
se nulla ti soddisfa, ti annoi sempre più
Scienziati ed ingegneri hanno inventato già
una generazione di bambole robot.

C’è questo tipo strano, vedrai ti piacerà,
lui suona la chitarra in una rock’n’roll band
è come un Arlecchino ma non si rompe mai,
attacchi la corrente, si accende e partirà.

Oooh rock’n’roll robot, oooh rock’n’roll robot
Io ti amo, io ti cerco, io ti voglio, rock’n’roll robot.

Ha dentro anche un computer e quante cose sa,
un terminale video che t’informerà,
Lui lavora duro, tu libera sarai,
di plastica e di acciaio che non si ferma mai.

C’è questo tipo strano, vedrai ti piacerà,
lui suona la chitarra in una rock’n’roll band
Ha un cuore di bambino che non si rompe mai,
attacchi la corrente vedrai ti partirà.

Oooh rock’n’roll robot, oooh rock’n’roll robot
Io ti amo, io ti cerco, io ti voglio, rock’n’roll robot.

Johnny play guitar like the ringing bells,
baby baby baby baby baby be good

Oooh rock’n’roll robot, oooh rock’n’roll robot
Io ti amo, io ti voglio, io ti cerco, rock’n’roll robot.

In alcune parti del testo si possono notare assonanze tra il personaggio di questo brano e Ziggy Stardust di David Bowie.

Dopo un anno dall’uscita di Ruby e Rita, l’arlecchino del rock italiano, sull’onda del sempre crescente successo pubblicò Rockmantico, che superò le aspettative dei fans.

All’interno di questo Album troviamo un Alberto più maturo, in cui, ispirandosi al romanzo francese del 700 “Arlequin Poli par l’amour”, scritto da Marivaux, analizza in chiave rock ed elettronica le vicende umane e psicologiche di Arlecchino, quindi, pregi, difetti e fragilità dell’uomo che sta dietro una maschera. Dal punto di vista musicale Rockmantico abbandona le influenze sudamericane e il singolo di maggior successo fu Tanz Bambolina, testo che parla d’amore in lingue europee e non.

Gioca bambolina, gioca col mio amore
Quieres tu bailar? Do you wanna dance?
Come faccio a dirti vuoi ballar con me
Se non riesco a dirti voglio star con te
Come faccio a dirti che ti amo già
Se non riesco a dirti vuoi ballar con me

Amami, baciami, amore, ti amo, voglio ballare con te
Amami, baciami, ich liebe dich, ti amo, je t’aime, I love you

Tanz mit Europa, in italien tanzen
Balla bambolina, tanzen in bikini
Tanz Arlecchino, automatic clown
Bailas Colombina, dancing rock ‘n’ roll

Come faccio a dirti vuoi ballar con me
Se non riesco a dirti voglio star con te
Ma come faccio a dirti che ti amo già
Se non riesco a dirti vuoi ballar con me

Amami, baciami, amore ti amo, voglio ballare con te
Amami, baciami, ich liebe dich, ti amo je t’aime, I love you

Balla kleine puppe, spiel mit pop music
Balla bambolina, tanzen automatica
Come faccio a dirti vuoi ballar con me
Se non riesco a dirti voglio star con te
Ma come faccio a dirti che ti amo già
Se non riesco a dirti vuoi ballar con me

Amami, baciami, amore ti amo, voglio ballare con te
Amami, baciami, ich liebe dich, ti amo je t’aime, I love you

Balla kleine puppe, balla bambolina
Tanzen automatica, spiel mit pop music
Balla, balla, stella, tanz schoner stern
Balla maccheroni, tanzen techno etnik
Balla, balla bambolina.

Nonostante il grande successo, raggiunto soprattutto dopo Rockmantico, Alberto si sentiva insoddisfatto, sentiva che i suoi fans, soprattutto adolescenti, amassero di più i ritmi travolgenti e il personaggio più di quanto potessero capire le analisi che l’autore compiva attraverso la rappresentazione di Arlecchino.

Dopo Rockmantico pubblicò altri album che non replicarono il successo dei lavori precedenti.

Mai come attualmente avremmo bisogno di rispolverare le sue canzoni che guardando oltre ogni maschera e apparenza, trovano sempre un briciolo di solitudine e malinconia.

Rating: 4.4/5. From 8 votes.
Please wait...

Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.