Mind Hive: il magistrale post-punk dei Wire

Posted by

I Wire, il gruppo inglese formatosi nel 1976, regalano sempre grandi emozioni. Svariate le scissioni e le riconciliazioni, attualmente la band è composta da Colin Newman – voce, chitarra, Graham Lewis – voce, basso – Robert “Gotobed” Grey – batteria – Matthew Simms – tastiere. E il loro 18-esimo album Mind Hive si conferma un disco sicuro e mesto.

I testi sono sempre ricchi di significati e i temi che affrontano sono dannatamente veri. La loro sinteticità, marchio di fabbrica che li contraddistingue, è maestosa, come anche il titolo dato all’album. I Wire dunque perseverano di fronte alla stupidità, all’apatia del mondo moderno.

Con la prima track si va subito al sodo: in Be Like Them le chitarre si intrecciano per poi divergere con parole che sembrano dei warning tipo: “rabid dogs tearing skeletons” oppure “it’s nothing new, hungry cats”.
Un invito a essere l’esatto contrario di come ci vorrebbero. In Cactused, invece, una bella ventata di energia grazie all’uso della chitarra con gli effetti di Simms e con gli arresti giusti. Con Primed And Ready ritroviamo una sequenza di pulsanti synth scandita da schegge di chitarra ghiacciate.

Watch this video on YouTube.

Segue Off the beach in cui ritroviamo i perfetti toni del pop inglese sferzando verso la fine il colpo finale con parole crude: “People lying, homeless, dying” per ricordare la condizione dei rifugiati, di coloro che scappano dal proprio paese perché impossibile viverci. Con Unrepentant il suono è bucolico e si ha l’impressione che il sole abbagli.

Poi si lascia questa dolce atmosfera per catapultarci in Shadows, sintetica e scura, proprio alla Wire. Il racconto dell’atrocità risulta molto seducente. Oklahoma appare drammatica, a dare il là parole dure “I admired your sexy hearse“, la voce oscura di Lewis accompagnata con chitarre urlanti e i toni di synth rilasciano molta tensione.

Il cuore dell’album è senz’altro Hung con i suoi 8 minuti in cui le chitarre e  le tastiere sono più che mai presenti. Si chiude con lo splendido Humming, una deriva autunnale modellata dalla tastiera e dalla chitarra che impenna.

Newman riesce ad esprimere lo stato del mondo con un toccante senso di innocenza, mentre il pezzo termina con i baritoni di Lewis e le loro difficili associazioni. Ben 35 minuti di magistrale post punk.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.