La nascita dei Doors: quando Jim Morrison incontrò Ray Manzarek

Dioniso in terra, sciamano del rock, poeta maledetto e cantante, Jim Morrison ha attraversato come una meteora gli anni delle proteste contro i piani alti e i valori borghesi di quell’America imperialista degli anni 60, cercando uno stile di vita alternativo a quello consumistico imposto dal sistema.

Nel 1965 Jim Morrison conobbe Ray Manzarek sulla spiaggia di Venice a Los Angeles durante una festa. Manzarek era un pianista molto bravo e Jim decise di confidargli di aver scritto delle poesie e delle canzoni, Manzarek curioso le ascoltò con piacere. Tra queste c’era una prima versione di Moonlight Drive, che Manzarek pare apprezzò moltissimo.

È quello il momento in cui i Doors vennero al mondo. A Jim e Ray si unirono il chitarrista Robby Krieger e John Densmore alla batteria. Curioso è il fatto che non verrà mai trovato un bassista in grado di eguagliare le linee di basso eseguite dalla mano sinistra di Ray alle tastiere. Questo influenzerà parecchio il sound della band.

Il suono dell’organo di Manzarek, un Vox, al quale affianca un piano elettrico soprattutto per le linee di basso è il segreto della band. La conoscenza della musica di Ray, permetterà ai Doors di avventurarsi tra diversi stili, varcando i confini del blues, passando tra il pop e ambienti decisamente più sperimentali.

Il nome The Doors deriva dal libro Le Porte della Percezione di Aldous Huxley, che a sua volta citava il poeta visionario William Blake:

“Se le porte della percezione fossero sgomberate, ogni cosa apparirebbe così com’è, infinita.”

I primi concerti della band, vedono un Jim Morrison non proprio a suo agio davanti al pubblico. Jim infatti era molto timido e non riusciva a cantare guardando il pubblico ma gli girava le spalle. Con il tempo Morrison imparò ad essere più sicuro e avventuroso e i locali ed i pub che prima erano semivuoti iniziarono a riempirsi sempre più.

Dopo essere diventati la house band del Whisky a Go Go ottengono un primo contratto con la Columbia e poi vengono ingaggiati dalla Elektra, con la quale pubblicano il primo album, The Doors nel 1967, portato in alto dalla leggendaria Light my Fire.

Nel 1969 a Miami durante un concerto Jim Morrison viene arrestato per oscenità e da quel momento i Doors verranno banditi ovunque .

Dopo la morte di Jim Morrison, Ray continua a far rivivere la memoria dei Doors rimettendo in piedi la band con cantanti diversi, ma realizza anche moltissimi progetti solisti, con poeti come Michael McClure, con rockers del calibro di Iggy Pop, con musicisti come Philip Glass.

Ray Manzarek verrà ricordato nella storia del rock per essere stato l’alter ego musicale di Jim Morrison, il musicista che riuscì a dare corpo sonoro alle sue visioni con il suo stile personalissimo e originale.

Rating: 3.8/5. From 4 votes.
Please wait...

Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.