Cinque nuovi artisti americani che dovete assolutamente conoscere

Posted by

The Breakfast Club era un film del 1985 di John Hughes che parlava di cinque giovani emarginati dalla società che conta per motivi diversi (Andy, Brian, John, Allison e Claire), ma tutti con delle qualità nascoste. Il nuovo Breakfast Club di cui parliamo oggi, invece, riguarda il mondo della musica e cinque musicisti americani della nuova generazione, che stanno facendo parlare di sé gradualmente per le loro qualità, un po’ meno nascoste rispetto ai ragazzi del film. Parliamo di Billie Eilish, Khalid, XXXTENTACION, Dej Loaf, e Kehlani.

Tutti e cinque sono musicisti, cantautori, scrittori giovanissimi che hanno conquistato la scena mondiale con la loro voce e i loro testi, profondi in maniera inusuale per la loro età. Non hanno un vero e proprio genere in comune: Khalid ad esempio è molto R&B, mentre Billie Eilish si può considerare Indie-Pop. La cosa che li accomuna tutti, però, è l’essere il portavoce di una generazione di ragazzi che sente sempre più vicina la tristezza, lo sconforto, il sentirsi dei disadattati, persi anche in un posto che ritenevano sicuro. Il loro scopo però non è quello di far aprire gli occhi. Non esiste uno scopo nelle loro canzoni: è il cosiddetto “flusso di coscienza” che parla, il fluire di pensieri e sentimenti che si riversa in un testo.

L’altra cosa in comune tra questi cinque ragazzi è la vita che li ha messi alle strette. Ognuno proviene da una città diversa, una famiglia diversa, una scuola diversa, ma tutti umani, ergo tutti provano lo stesso sentimento. Ed è proprio come dice Schopenhauer, spiegato in maniera filosofica, che la musica diventa un mezzo di conforto dalla vita stessa, ma che allo stesso tempo collega l’uomo alle sue radici, tristi o felici che siano. Un concetto così da adulti, spiegato da dei ragazzi che non dovrebbero conoscere l’infelicità della vita a una così giovane età.

So che un giorno ce la farò ad uscire da qui
Anche se ci impiegherò una notte o centinaia di anni
Ho bisogno di un posto dove nascondermi ma non ne trovo uno vicino
Voglio sentirmi vivo

Lovely, Billie Eilish feat. Khalid

Sono sempre dove il sole non splende, non mostro le mie lacrime
Non mi farai male perché il mio cuore è già stato spezzato, odio me stesso
Ma non lo mostro, perdo costantemente il mio rimorso

I Spoke to the devil in Miami, he said everything would be fine, XXXTENTACION

D’altra parte però non c’è solo tristezza e melanconia nei testi, ma anche orgoglio per la propria razza, orgoglio per il proprio orientamento sessuale e c’è anche quella forza, quella voglia di andare avanti e di cambiare il mondo con le proprie forze, inseguire i propri sogni ad ogni costo.

Ed è proprio con questa voglia di andare avanti, di cambiare il mondo, di inseguire i propri sogni che si fanno strada Dej Loaf e Kehlani. Dej Loaf in particolare scrive di come lei abbia bisogno di un qualcuno che la capisca, che l’aiuti a capire anche in che direzione andare ma soprattutto che la sappia amare senza vergognarsi.

 If you ain’t chasing your dream, what the heck are you doin’?

Changes, Dej Loaf

Così canta Dej Loaf, con tutta la rabbia che scorre nelle vene, quasi come un’invettiva a tutti quei ragazzi pieni di sogni nel cassetto che non sanno che per farli avverare basta un piccolo gesto, un piccolo movimento. Logico che una frase del genere, tratta da un testo ancora più motivante, abbia avuto un grandissimo successo tanto da farla apparire in una nota serie tv quale Dear White People. In effetti, è proprio Dej Loaf che porta in alto la bandiera del Black Lives Matter, ma a portarla insieme a lei ci sono tantissimi altri musicisti, lo stesso Khalid chiamato in causa in precedenza a braccetto con Kehlani.

Questi cinque cantanti sono quelli che oggigiorno hanno avuto un successo maggiore tra i ragazzi, non solo perché le loro canzoni le senti ovunque, nei film, nelle serie, in radio, ma perché le loro canzoni sono reali. Ogni generazione ha un suo capostipite e per questa nuova generazione ­abbiamo una bella squadra.

Qui sotto una playlist Auralcrave che vi aiuterà a scoprirli, o a goderveli se li conoscete già.

Rating: 4.4/5. From 8 votes.
Please wait...

Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.