Because The Night: l’inno rock di Patti Smith ricevuto da Bruce Springsteen

Posted by

Because The Night è un pezzo rock scritto da Springsteen a fine anni ‘70. Il Boss si rese conto che nel suo album (Darkness in the Edge of Town) il pezzo stava stretto e lo passò a Patti Smith, che stava registrando l’album Easter nello studio a fianco.

Il testo fu da lei riadattato in un’ottica più femminile. Era sera, Patti Smith aveva un appuntamento telefonico intorno alle 18 con quello che dopo tre anni sarebbe diventato suo marito, Fred. Lui non chiamava. Lei allora in preda alla febbricitante attesa scrisse che la notte apparteneva agli amanti. Finì alle 2 di notte, a quell’ora Fred la chiamò.

Have I doubt, baby, when I’m alone
Love is a ring on the telephone
Love is an angel, disguised as lust
Here in our bed ‘til the morning comes

Ho mai dubitato, amore, quando sono sola
L’amore è uno squillo del telefono
L’amore è un angelo, travestito da lussuria
Qui nel nostro letto, finché il mattino arriva

Nonostante la Smith sia un’icona Rock e Because The Night uno dei suoi pezzi più forti, il primo forse che l’ha consegnata alla storia del grande pubblico, è per me sempre un’emozione particolare sentire un pezzo cantato dal suo vero padre. È diverso nelle due versioni lo stato d’animo ma con lo stesso veicolo si può arrivare dove si vuole. E loro ne sono la prova vivente.

La versione di Smith è profondamente femminile. L’intro è lenta e sensuale e lei entra con la ferma incazzatura di una donna forte e che ha già deciso, per quanto sia trepidante, febbricitante di attesa, che sul ritardo di Fred passerà sopra, perché è quello che vuole. La batteria che entra con un boato dice proprio questo: in alcuni momenti l’attesa è quasi insopportabile, ti contorce, ma se sei Smith ne esce un pezzo da Dio. Quella batteria, nel momento in cui arriva, può contenere qualsiasi cosa.

Fred chiamerà e quell’attesa sarà diventata eccitazione, profonda eccitazione, accesa eccitazione.

Il live di Springsteen è, ancora, un’altra storia. Persino in bassa risoluzione.

La batteria entra più dolce, lascia spazio alla voce del Boss, più audace, più ferma.

C’è più spazio per una chitarra che rende il pezzo più guidato: nella versione di Smith l’attesa è LA protagonista e la cantante si divincola con forza fino a vincere, nella versione di Springsteen è lui che guida la notte.

Smith lotta.
Springsteen decide.

Il live del Boss è uno dei live Rock più forti di sempre. La profondità della sua voce è immensa.

Il live di Springsteen è Rock puro: romanticismo e potenza insieme, decisione, forza, forza, forza.

È rose e tempesta.
È boato.
È Rock.

Because the night belongs to lovers
Because the night belongs to us

Perché la notte appartiene agli amanti
Perché la notte appartiene a noi

Easter di Patti Smith è su Amazon

.

Fabiana Falanga scrive storie di musica su Roses Of Rock e Auralcrave. Seguila su Instagram.

 

No votes yet.
Please wait...

Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.