Quando Harry Potter disse di no a Bruce Springsteen

Posted by

Questa è una di quelle storie che sembrano folli, ancora di più di ciò che già non sono. E tutto è stato confermato da entrambe le parti, anzi, precisamente l’ha raccontato Bruce Springsteen stesso.

Nel lontano 2000, il cantautore del New Jersey scrisse una dolce canzone per suo figlio che, in parte, sembrava entrare anche nel mondo delle favole. Un testo dolce e delicato allo stesso tempo, leggero ed emozionante. Il brano si chiamava I’ll stand by you always.

Springsteen, allo stesso tempo, seppe che in Inghilterra stavano cominciando le riprese di un nuovo film chiamato Harry Potter e la Pietra Filosofale e colpito dal titolo e dalla storia, decise di proporre quella canzone come brano facente parte della colonna sonora, forse un po’ convinto anche dal successo della canzone Philadelphia, scritta per l’omonimo film nel 1993.

Ma la produzione non accettò e Springsteen ne rimase deluso. In un’intervista affermò: “Era una ballatona piuttosto diversa dalle cose che di solito faccio. Però secondo me sarebbe stata molto adatta”.

Che fosse adatta o meno, decidetelo voi. Perché qualche tempo fa, il demo della canzone (tra l’altro, prodotta veramente molto bene) è uscito su Youtube e, anche se non lo vedessimo bene inserito nel film, potrebbe essere l’ennesimo brano di Bruce Springsteen che ci emoziona.

Dall’altra, però, siamo consapevoli che il tema composto da John Williams sia una delle migliori colonne sonore degli ultimi anni. O no?

No votes yet.
Please wait...

Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.