Some Girls, il disco-rivincita dei Rolling Stones

Posted by

Gli anni ’70 non erano andati del tutto come i Rolling Stones si aspettavano: certamente la loro popolarità e le loro vendite non erano mai stati in discussione, ma la qualità dei loro lavori dopo Exile On Main St. era scesa verticalmente, soffrendo la profonda deriva nelle droghe di Keith Richards e le continue distrazioni di Mick Jagger dovute alla sua attrazione verso il jet set.

In tutto questo, l’esplosione della Disco Music e l’affermazione del Punk avevano ulteriormente messo alle corde gli Stones, che venivano considerati vecchi e logori dalle nuove generazioni, rappresentanti di un’era (gli anni ’60) che di colpo appariva sorpassata e pronta a essere facilmente dimenticata. Era necessario invertire la rotta e rimettersi in carreggiata, tornando a realizzare un album come ai vecchi tempi, quando erano i Rolling Stones che imponevano il loro sound durante le registrazioni e non dipendevano dall’estro del session man di turno (qualcuno ha detto Nicky Hopkins o Billy Preston?), che li costringeva a inseguirli verso un sound troppo patinato e lontano dalle loro grezze origini.

billy_preston_rolling_stones
Billy Preston sul palco con i Rolling Stones nel 1975

Quindi sul finire del 1977 si decise di realizzare un nuovo disco che rispondesse ai non pochi interrogativi che pesavano sulle spalle del gruppo, che oltre ai problemi evidenziati rischiava anche di perdere per sempre l’apporto di Keith Richards: su di lui pendeva la possibile condanna al carcere a vita dopo l’accusa di traffico di stupefacenti in Canada (per sua fortuna in seguito convertita al solo possesso, con conseguente condanna ai lavori sociali e a curare la dipendenza). Mick Jagger desiderava inseguire le mode imperanti e incidere un disco che suonasse come il più punk di tutti, scontrandosi con la ferma volontà di Richards di stoppare questo tentativo di inseguire una moda che considerava passeggera. Le discussioni si trascinarono a lungo e videro anche l’abbandono degli studi parigini Pathé-Marconi di Ian Stewart (il sesto, orgoglioso, Stones) che non sopportava l’idea di suonare “quell’immondizia”.

L’assenza anche dell’ex membro fondatore del gruppo (che preferì sempre vivere un passo indietro i suoi scatenati compagni) costrinse Jagger a imbracciare la chitarra per sostituire il pianoforte di Stewart. La felice intuizione di Ron Wood (che divenne membro effettivo della band proprio con Some Girls) fu seguita da quell’inestimabile lavoro di raccordo tra i due giganteschi ego dei leader che dura ancora oggi e che ha permesso ai Rolling Stones di sopravvivere a innumerevoli guerre intestine. Jagger acconsentì a smorzare la ricerca di punkitudine, ma ottenne da Richards una concessione alla Disco, che permise di proseguire i lavori senza altri intoppi. Durante le sessioni vennero incisi e abbozzati una cinquantina di pezzi che sarebbero confluiti anche nei successivi lavori del gruppo e che testimoniarono la ritrovata ispirazione dei Glimmer Twins, finalmente ai loro livelli.

mick_jagger_keith_richards
Keith Richards e Mick Jagger, i Glimmer Twins nel 1977

Nacque così un album dalle molteplici influenze e dalla grande voglia di tornare a essere gli Stones di una volta: dalla frequentazione dello Studio 54 e delle discoteche, Jagger tirò fuori dal cilindro Miss You, una delle loro più celebri canzoni, che permise al Rock di intrecciare la Disco e di rendere gli Stones moderni senza perdere il loro diritto di considerarsi eredi del blues. La cover di Just My Imagination dei Temptations fu una concessione nei confronti del frontman, desideroso di avere un brano pop rock che potesse rappresentare degnamente il loro nuovo sound nelle radio; mentre i pezzi più rock (When The Whip Comes Down, Lies, Respectable, Shattered) mostrano la brillante e solida sintonia tra le chitarre di Wood e Richards, che finalmente ha non solo un compagno di giochi, ma soprattutto qualcuno con cui fondere la sua energia e sostenere i vocalizzi di Jagger.

La titletrack (investita di innumerevoli polemiche per la sua misoginia) ha un ritmo compassato e sornione, in cui l’armonica di Sugar Blue si insinua donandole un’inflessione blues invidiabile. Il tenue country rock di Faraway Eyes, in cui Jagger si mostra come al solito un maestro (in questo caso quasi a parodiare il genere), è uno dei momenti più interessanti del disco, mentre la ballad Beast Of Burden è tra le più belle mai realizzate dal gruppo. Menzione a parte merita Before They Make Me Run, l’ultimo brano inciso nel gennaio del 1978, prima della pubblicazione dell’album: uno scanzonato, ma consapevole Keith Richards canta la volontà di liberarsi per sempre dalla dipendenza dalle droghe, imponendosi di voler “iniziare a camminare, prima che altri lo facciano correre”. Quando a marzo l’album fu pronto, Richards era già tornato a frequentare l’eroina.

Some Girls venne pubblicato nel giugno del 1978, arrivando in cima alle classifiche quasi ovunque e dimostrando che i Rolling Stones avevano ancora qualcosa da dire. Il disco si dimostrò una grande prova soprattutto di Mick Jagger, che riuscì a rimettere in ordine il gruppo dopo l’arresto di Richards: le scelte compiute e la capacità di tornare a collaborare fruttuosamente con il suo amato/odiato gemello (ora che la vena creativa di Keith Richards non era più del tutto ottenebrata dalle droghe) permisero di respingere al mittente le accuse di fine imminente. Lontani dalla rudezza dei loro primi lavori e dall’abbacinante bellezza rock degli album a cavallo tra gli anni ’60 e ’70, i Rolling Stones si riappropriarono della loro storia pubblicando un disco solido, decadente, furbo, a tratti sincero e orgoglioso, che è anche il loro ultimo capolavoro.

.

Luca Divelti scrive storie di musica, cinema e tv su Rock’n’Blog e Auralcrave. Seguilo su Facebook e Twitter.

Annunci

One comment

Leave a Comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...