La settima stagione di Game Of Thrones raccontata attraverso i suoi personaggi

Posted by

E alla fine “The winter is coming” e con lui un bel pò di zombie, pronti a devastare i Sette Regni. La settima stagione di Game Of Thrones ha avuto un finale intenso e pieno d’azione (attenzione, seguiranno spoiler!), come ci si poteva aspettare dopo gli episodi che si sono susseguiti in queste settimane e che hanno accelerato la narrazione degli eventi in vista dell’Ottava stagione. Gli Showrunner si sono dati un gran da fare per compensare l’assenza di materiale di George R. R. Martin (ancora fermo al romanzo del 2011 A Dance With The Dragons) e hanno fatto proseguire la storia nelle ultime due stagioni, provando a immaginare uno sviluppo narrativo coerente con il lavoro compiuto dall’autore.

Gli episodi della Sesta e Settima stagione sono state sostanzialmente sceneggiature originali con qualche spunto preso dalle poche tracce rilasciate dallo stesso Martin sul suo prossimo libro, The Winds Of Winter, che non ha ancora una data certa di pubblicazione. Dalla sesta stagione della serie Tv, proprio in previsione di un finale, molti interrogativi e questioni irrisolte sono state dipanate e gli scontri tra le varie fazioni si sono fatti molto più frenetici e frequenti (la Battaglia dei Bastardi su tutti).

battleofbastards

La Settima stagione, poi, ha estremizzato queste caratteristiche, regalando episodi con svariati colpi di scena, che hanno reso ancora più avvincente Game Of Thrones, ma allo stesso tempo hanno anche evidenziato alcune pecche: gli spostamenti dei vari personaggi da un territorio all’altro (che fosse Approdo del Re, Roccia del Drago, Castel Granito, oppure Oltre la Barriera) sono apparsi irrealistici anche in un contesto fantasy come quello di Trono di Spade e alla lunga hanno finito per rendere meno salda la sceneggiatura della serie Tv. A parte questo, quella che è appena terminata è stata una Settima stagione piena di spunti su vari personaggi: andiamo a vedere i maggiori.


Arya Stark

aryastark
La ninja più ignorante di Westeros

Dopo aver terminato il suo addestramento e aver fatto partire col botto la Settima stagione ammazzando in un colpo solo tutti i Frey, l’Assassina senza volto rientra a Winterfell e mostra a sua sorella Sansa (e soprattutto a Ditocorto) quanto ha appreso a Bravoos. Personaggio sviluppato negli anni con molta cura, mostrerà certamente il proprio valore nell’ultima, decisiva stagione.


Bran Stark

bran-stark1
Colui che tutto vede e tutto sa

Anche Bran torna a Winterfell e finalmente mette in pratica i suoi poteri, oltre a mostrarsi molto diverso caratterialmente dopo essere diventato il Corvo con tre occhi. Mette in riga Ditocorto (che prova a regalargli la daga con cui tentarono di uccidere il giovane Stark) e soprattutto rivela nell’ultimo episodio quale sia la vera identità di Jon Snow, prospettando interessanti sviluppi per il futuro.


Sansa Stark

sansastark
Piccole donne crescono

Dopo averne passate di tutti i colori, Sansa rientra finalmente a casa e, complice la partenza di Jon Snow per incontrare Daenerys, diventa reggente del Nord. Peter Baelish spende ogni minuto a disposizione per metterla contro i fratelli e lei sembra abbastanza attratta dalla possibilità di accentrare su di sé ogni potere. Il personaggio fa tesoro degli insegnamenti di Ditocorto e risulta spesso ambiguo e doppiogiochista. Almeno fino al finale di stagione.


Peter Baelish

ditocorto
“Adoro i piani ben riusciti…”

E niente, dopo anni di doppi, tripli e quadrupli giochi, Ditocorto alla fine va a sbattere con le sorelle Stark, che nell’ultima puntata lo silenziano per sempre e ce lo tolgono dalle scatole, innescando trenini festosi per tutta Westeros. Non se ne poteva più.


Sam Tarly

sam-tarly
Il miglior svuota-latrine della Cittadella

Sam tenta in tutti i modi di diventare un Maestro, incontrando però la rigida disciplina dell’Arcimaestro Ebrose, che lo ostacola nella sua ricerca di un modo per sconfiggere gli Estranei. Incontra Jorah Mormont, riesce a curarlo dal morbo grigio e poi, deluso dall’atteggiamento dei Maestri, ruba i libri della zona proibita e torna da Jon Snow. I momenti più esilaranti e divertenti appartengono ancora al paffuto e introverso Tarly, che dopo la brutta fine capitata al padre e al fratello (bruciati vivi da Daenerys) è diventato l’unico erede della sua casata.


Cersei Lannister

cersei
“…e qui comando io e questa è casa mia!”

La neo Regina dei Sette Regni si mostra iperattiva: si allea con Euron Greyjoy (che vorrebbe sposarla), si vendica di Ellaria per l’omicidio della figlia, rimane incinta ancora di suo fratello Jaime, paga i debiti con la Banca del Ferro, fa ammazzare Olenna e alla fine perde l’appoggio di Jaime. Il suo continuo tramare contro tutto e tutti le mette contro l’unico alleato rimastole, che non accetta l’ennesimo tradimento (stavolta verso Daenerys e Jon Snow nella lotta con gli Estranei) e l’abbandona. Cersei è il tipico personaggio che vince le battaglie, ma, alla lunga, non sembra in grado di imporsi nelle guerre: l’aver perso Jaime, colui che l’amava più di tutti, sembra confermare questa tesi.


Jaime Lannister

jaime-lannister
Quella gelida manina…

Il Lannister più …ehm… alla mano di Approdo del Re ha ucciso Olenna e preso Alto Giardino con tutte le sue ricchezze, ma ha anche dovuto affrontare la furia di Daenerys e soprattutto di Drogon (rischiando anche di rimanerci secco). I continui contrasti con Cersei, sempre più amareggiata e vendicativa, lo hanno allontanato definitivamente dalla sorella. I momenti migliori della sua stagione sono stati i duetti con Bronn, ormai un classico di Trono di Spade.


Tyrion Lannister

tyrion-game-of-thrones
“È bello avere una famiglia unita”

Tyrion ha avuto più di un problema in questa Settima serie di Game Of Thrones: si è trovato in seria difficoltà nel contenere la sete di sangue di Daenerys e ha rischiato di farsi ammazzare da Cersei (che non aspettava altro) per mano della Montagna. Il suo sguardo pensieroso verso la cabina in cui la sua Regina e Jon Snow stanno facendo l’amore, ci fa immaginare che non sia del tutto favorevole a questa unione. Tyrion resta uno dei principali personaggi della serie Tv e Peter Dinklage si dimostra ancora una volta grandissimo nell’interpretare i suoi tormenti interiori.


Daenerys Targaryen

daenerys
“Drakarys a mammà!”

La Madre dei Draghi torna a Westeros e inizia la sua scalata definitiva verso il Trono di Spade, ma poi incappa in Jon Snow (di cui si innamora) e negli Estranei, che gli ammazzano Viserion e lo convertono a zombie. Indecisa se seguire la sua sete di sangue o il suo desiderio di essere una Targaryen meno brutale, fa bruciare nel frattempo qualsiasi cosa gli capiti a muso di drago e ripete un pò troppo spesso di non poter avere figli. La scena a letto con Jon Snow ci fa immaginare che gli autori ci abbiano voluto dire qualcosa.


Jon Snow

jon-snow
“Qualcuno mi dica cosa sta succedendo!”

Jon Snow anche in questa Settima stagione continua a fare quello che ha sempre fatto: prova in tutti i modi a farsi accoppare per la sua testardaggine e si salva sempre nei modi più assurdi. Molti pensavano che alla fine sarebbe stato lui a diventare Re dei Sette Regni e dopo l’ultima puntata in cui Bran rivela che il suo fratellastro in realtà è Aegon Targarien, legittimo erede del Trono di Spade, la loro ipotesi è diventata molto più concreta. L’unione con Daenerys (che a questo punto è sua zia, ma gli incesti si sa, sono una costante di Game Of Thrones) lascia aperta la porta a un loro regno congiunto alla fine della storia, ma tutto può ancora accadere.

Per la prossima stagione è previsto un massiccio uso di effetti speciali, che si dice faranno slittare i restanti sei episodi (pare della durata di circa 2 ore) al 2019, allontanando il finale (almeno in Tv) della saga fantasy di Martin. Il raddoppiarsi della durata standard delle puntate e il lungo lavoro di post produzione per realizzare draghi ed Estranei comporteranno questo probabile spostamento e il conseguente scoramento degli appassionati, che già non stanno più nella pelle nell’attesa di capire quale destino toccherà a Jon Snow e compagni nella loro scalata al Trono di Spade.

viserion
Soprattutto dopo questo

La serie completa de Il Trono di Spade è su Amazon.

.

Luca Divelti scrive storie di musica, cinema e tv su Rock’n’Blog e Auralcrave. Seguilo su Facebook e Twitter.

Annunci

Comment