In Loop: The Others – Africa (VIP)

Anno 2007: il dubstep corre sul filo della ricerca bass, tanto fermento gli gira intorno e non è ancora chiaro come le cose si evolveranno. Certo, si sa come sono nate: esaltazione degli spazi, amore per le asimmetrie ritmiche, studio delle basse frequenze e tanta suggestione emotiva. Un genere abbastanza intellettuale. Fino ad allora. Poi, quell’anno, qualcuno fece emergere una tendenza sottocorrente che si stava facendo sempre più possente: [read more…]

In Loop: Röyksopp – So Easy

Nel 2001 esce Melody A.M., l’album che storicamente rappresenterà meglio di chiunque altro l’impatto che l’elettronica scandinava ha avuto sull’immaginario europeo del nuovo millennio. È il debutto dei Röyksopp, che si presenteranno al pubblico nella loro forma migliore: equilibrio ed eleganza, melodia ed armonia, un disco che trasuda positività e easy listening, seppure non si tira indietro nell’uso di tutti gli attrezzi del mestiere elettronico. È un nuovo modo di concepire la intelligent music, fondamentalmente più orientato al pubblico indie che agli appassionati di genere. [read more…]

In Loop: Samiyam – Where Am I

Non si capisce bene di chi sia la colpa, ma è un riflesso incontrollabile: quando per un caso o per un altro rientro in contatto con quell’estetica beats dei primi anni ’10 che risponde al nome wonky, scatta immediata nella testa questa traccia. Che non viene da un album considerato miliare o da un artista chiave della scena (si ok, l’ha pubblicato Brainfeeder, ma ci siamo capiti), ma che fa colpo come perfetto rappresentante di quel sound in ogni caratteristica: [read more…]

In Loop: The Human League – The Things That Dreams Are Made Of

Dare, il terzo album degli Human League, uscì nel 1981. E questa da sola è una consapevolezza che mette paura: 1981 significa che l’era del synthpop era ai primissimi inizi, con nessuno che prevedeva quel che sarebbe successo durante tutti gli anni ’80, men che meno la fase di rigetto che si avrà nella seconda metà del decennio. E la band di Sheffield aveva già fatto tre album in cui era stato teorizzato il suono synthpop praticamente in tutte le sfumature. [read more…]

In Loop: Chingon – Malagueña Salerosa

Sarà quel brivido d’eccitazione provocato dall’arrivo del nuovo film di Quentin Tarantino (The Hateful Eight sta arrivando e la colonna sononra ve l’abbiamo già segnalata), sarà che il soggiorno in Sicilia nel periodo natalizio dà sempre un’inevitabile sensazione di drammaticità, ma per tutte le feste, ogni singolo giorno, senza spiegazioni, non ho smesso di fischiettare Malagueña Salerosa. [read more…]