David Bowie, un portale sull’universo

ziggy-stardust

Nel 1976, il suo annus horribilis di paranoica, drogata discesa agli inferi, incalzato da un intervistatore che gli chiedeva cosa avrebbe voluto veder scritto sulla sua lapide – “Cantante? Performer? Songwriter? Attore?” – il ventinovenne David Bowie rispose sorpreso: “Lapide? Io voglio un monumento”. E nei primi mesi del 2017 l’artista britannico di fatto il suo bizzarro monumento l’avrà: [read more…]

Green Day live @ Torino, 10 Gennaio 2017: il report

greenday_liveturin10012017

In effetti, i Green Day in Italia mancavano da un po’: la band americana, dopo aver suonato in diversi club negli Stati Uniti in occasione della pubblicazione del suo ultimo album, Revolution Radio (etichettato Reprire Records), è finalmente giunta all’inaugurazione del suo tour europeo partendo proprio dal nostro paese, dalla città di Torino. [read more…]

Rolling Stones, Herrmann, Bach: la musica nel cinema di Martin Scorsese

scorsese_mylescain

L’enorme importanza che ha la musica per Martin Scorsese ormai è cosa nota anche a chi lo conosce in maniera più superficiale. È lui il regista dietro alcuni dei documentari a tema musicale più amati dal pubblico, ritratti di artisti o momenti storici fondamentali come L’Ultimo Valzer (sul concerto di The Band a San Francisco), No Direction Home (su Bob Dylan), Shine A Light (sui Rolling Stones) e Living In The Material World (su George Harrison), ma anche progetti dedicati alla musica in sé, come la serie The Blues del 2002 o la più recente Vinyl. [read more…]

L’errante poetica di Bon Iver, un sinonimo della vita in cui rivediamo noi stessi

boniver

Esistono diversi motivi per cui il linguaggio di Bon Iver viene percepito come qualcosa di totalmente differente dal resto della musica che è possibile ascoltare oggi. Alla base, seguendo la linea che ha accomunato molti artisti capaci di esplorare mondi e tracciare confini remoti, c’è uno schema non presente in superficie, non reso palese e banale, ma tangibile in modo coerente e continuativo, sullo sfondo. Ed è quello che serve per mistificare la realtà preconfezionata, per uscire dai metodi di narrazione convenzionale.  [read more…]