I video virali di Gino D’Acampo, il cuoco italiano della tv inglese

Posted by

Il suo nome è Gino D’Acampo e da diversi anni appare nei programmi televisivi di cucina nel Regno Unito. Come normale professionista esperto di cucina che presenta ricette e tecniche ai fornelli per il pubblico della televisione mattutina. Come ce ne sono tanti, in ogni nazione del mondo. Lui, però, è divenuto una celebrità dei social media ed è spesso tra i video virali della settimana, per una sua particolarità divenuta tratto distintivo: lui si indigna, si arrabbia, sbrocca se altri ospiti o conduttori del programma propongono rivisitazioni alternative delle ricette tradizionali italiane. Qualcosa che noi italiani sappiamo bene, che facciamo spesso in molti e che ci rende motivo di simpatiche prese in giro in tutto il mondo, per quella nostra intransigenza culinaria che per noi è una difesa importante della tradizione, ma che gli altri spesso non capiscono.

La prima volta che Gino D’Acampo diventò virale fu nel 2010, con un video dal programma This Morning che venne condiviso da migliaia di italiani, senza che ancora il suo nome divenisse famoso. Si stava preparando un piatto di maccheroni al formaggio e D’Acampo stava esaltando la presenza dei piselli ad esaltare quello più forte del gorgonzola, quando la conduttrice inglese Holly Willoughby disse: “sai, se aggiungessi del prosciutto sarebbe simile alla british carbonara.” Gino D’Acampo prova a trattenersi per qualche secondo, la fulmina con lo sguardo e poi sbotta: “Se mia nonna avesse le ruote sarebbe una bicicletta.” Una frase che ha fatto scoppiare a ridere sia i conduttori che la maggior parte di quelli che hanno visto quel video, anche all’estero, portando diversi utenti web a remixarlo nei modi più diversi. Qui sotto trovate uno di quei remix, coi sottotitoli in italiano.

Qualche tempo dopo Gino D’Acampo, presenza fissa di quel programma, annunciò una scommessa al pubblico: se il programma riesce a vincere un Award alle premiazioni nazionali della televisione, lui avrebbe cucinato nudo. Nel 2011 il programma vince effettivamente un Award, e la puntata in cui D’Acampo cucina nudo diventa ancora una volta virale, ovviamente per motivi diversi. Lui si presenta inizialmente con solo un grembiule addosso, ma la presentatrice (la stessa Holly della british carbonara) lo provoca dicendo che “tecnicamente non è nudo”. Gino si toglie quindi il grembiule, lasciando il bacino nascosto sotto la cucina in modo che gli spettatori non vedano com’è conciato in basso. I conduttori però lo vedono e iniziano a ridere, perché in effetti “ancora tecnicamente non sei nudo”. Lì il cuoco toglie l’ultimo pezzo: un piccolo avvolgimento di cotone tricolore a proteggere l’ultima parte del corpo rimasta coperta. I cinque minuti intorno a quella scena sono quelli del video qui sotto.

Da allora i momenti divertenti dei programmi con Gino D’Acampo sono stati numerosi e diversi video li hanno ricapitolati negli anni. C’è stata quella volta in cui la conduttrice ha chiesto come si dice in italiano il gesto di girare lo spaghetto con la forchetta (“Forchettare. Non volevo dirlo, ma me l’hai chiesto tre volte…”), poi quella volta in cui doveva stendere il foglio (in inglese sheet) di pastasfoglia e stava platealmente attento alla pronuncia per evitare di dire “shit” (merda in inglese). E così via, fino a pochi giorni fa, quando l’ultimo exploit virale di Gino D’Acampo è nuovamente esploso sul web. Stava spiegando la storica ricetta tradizionale della nonna per il ragù alla bolognese, quando il conduttore chiede, civettuolo: “Quando aggiungi i funghi?”. Il cuoco lo blocca immediatamente rispondendo “quali funghi? Non ci sono funghi nel ragù” e intanto l’altra conduttrice ci mette del suo, spiegando che oltre ai funghi lei mette sempre la panna acida. E fu così che Gino D’Acampo tirò fuori il napoletano che è in lui, sfogandosi in diretta tv in questo modo:

Una serie di imprecazioni in italiano che ovviamente lì nessuno capisce, seguito da un netto “ecco cos’è che non funziona in questa nazione” e insistendo ad arrabbiarsi contro le rivisitazioni. “mi avete mai visto adattare le vostre cose? Mi avete mai visto riadattare il vostro pasticcio di carne? Io non riadatto nulla, io mi attengo alle ricette!”

La storia ovviamente è destinata a continuare, dal momento che Gino D’Acampo ha ormai la fama di cuoco italiano intransigente che reagisce in maniera dura se si propongono modi alternativi di cucinare le ricette italiane. Ed è prevedibile che verrà ancora provocato in futuro. Cosa che farà piacere a chiunque segue le sue avventure e i suoi video virali. E sicuramente anche a lui: significa che il personaggio mediatico funziona alla perfezione.

Rating: 3.8/5. From 4 votes.
Please wait...

Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.